DOMENICA 21 LUGLIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Le parole creano e distruggono

FRA EMILIANO ANTENUCCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
N

ella vita bisogna fare un’esame di coscienza sulle parole che esprimiamo verso gli altri. Le parole
che diamo a chi ci circonda, a quelle che incontriamo, le parole che scriviamo sui social o sui
messaggi al cellulare. Ogni parola può essere una carezza o una pietra, una medicina o un veleno,
un sollievo o una spada. Ogni parola crea o distrugge, di questo è responsabile il nostro cuore.
Le parole possono curare o ferire, incoraggiare o offendere, sostenere o umiliare, dare consolazione
o sfiducia esistenziale, creare applausi o incitare pugni, donare la pace o creare l'odio. E'
fondamentale l'uso delle parole. Da come comunica una persona si può “ascoltare” i battiti del
proprio cuore e tutto quello che si porta dentro. E' vero che le parole ingannano e mascherano, ma
dobbiamo andare al di là di esse per scoprire il loro vero significato e da dove nascono. Tempo fa
una storiella zen mi colpi tanto su come la gente possa influenzare le scelte della vita.


La gara dei ranocchi

C’era una volta una gara... , una gara di ranocchi.L’obiettivo era arrivare in cima a una gran torre. Si radunò molta gente per vedere e fare il tifo per loro. Cominciò la gara. In realtà, la gente probabilmente non credeva possibile che i ranocchi raggiungessero la cima, e tutto quello che si ascoltava erano frasi tipo: "Che pena!!! Non ce la faranno mai! Sono così piccoli!!! E’ un’impresa impossibile!". I ranocchi, infatti, cominciarono a desistere, tranne uno che continuava a cercare di raggiungere la cima. La gente continuava: "Che pena !!! Non ce la faranno mai! Sono così piccoli!!! E’ un’impresa impossibile!!!” In effetti, i ranocchi si stavano dando per vinti, tranne il solito ranocchio testardo che continuava ad insistere. Alla fine, tutti desistettero tranne quel
ranocchio che, solo e con grande sforzo, raggiunse la cima. Gli altri volevano sapere come avesse fatto. Uno degli altri ranocchi si avvicinò per chiedergli come avesse fatto a concludere la prova. Fu così che scoprirono che... era sordo!.

In un carcere ho trovato un manifesto che riassume i dieci principi per una comunicazione sana e
pacifica. Ecco l'elenco:
Manifesto della comunicazione non ostile

  • 1. Virtuale è reale. Dico e scrivo in rete solo cose che ho il coraggio di dire di persona.
  • 2. Si è ciò che si comunica. Le parole che scelgo raccontano la persona che sono: mi rap-presentano.
  • 3. Le parole danno forma al pensiero. Mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quel che penso.
  • 4. Prima di parlare bisogna ascoltare. Nessuno ha sempre ragione, neanche io. Ascolto con onestà e apertura.
  • 5. Le parole sono un ponte. Scelgo le parole per comprendere, farmi capire, avvicinarmi agli altri.
  • 6. Le parole hanno conseguenze. So che ogni mia parola può avere conseguenze, piccole o grandi.
  • 7. Condividere è una responsabilità. Condivido testi e immagini solo dopo averli letti, valutati, com-presi.
  • 8. Le idee si possono discutere. Le persone si devono rispettare. Non trasformo chi sostiene opinioni che non condivido in un nemico da annientare.
  • 9. Gli insulti non sono argomenti. Non accetto insulti e aggressività, nemmeno a favore della mia tesi.
  • 10. Anche il silenzio comunica. Quando la scelta migliore è tacere, taccio.

Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere. (Emily Dickinson).

O parole, quali crimini si commettono in vostro nome! (Eugène Ionesco). 

Le Parole distruggono e creano. Generano nuovi mondi, costruiscono muri o disegnano nuovi
orizzonti. Le parole aggiungono contorni ai pensieri e trasformano ciò’ che non c’è in un progetto
da realizzare.(Stephen Littleword). 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Roma-Genoa 3-3. Kouamé realizza il gol del pari definitivo
SERIE A

La Roma fa e disfa: pari pirotecnico col Genoa

I giallorossi avanti tre volte ma sempre rimontati: serve un centrale. Lazio e Atalanta, esordio vincente. Stecca il Milan
L'ultraleggero coinvolto nello scontro aereo
SPAGNA

Palma di Maiorca, sette morti in un incidente aereo: anche un italiano

Scontro fra un elicottero, probabilmente pilotato dall’italiano, e un piccolo ultraleggero. Nessun sopravvissuto
Controesodo
BRESCIA

Undici feriti in un incidente sulla A4 nel giorno del controesodo

Chiuse due corsie su tre. Intanto i casellanti scioperano dalle 18 di oggi fino alle due di lunedì mattina
Alex Rins esulta in sella alla Suzuki
MOTO GP

Rins si prende Silverstone, spavento per Dovizioso

Lo spagnolo beffa Marquez all'ultima curva. Brutto incidente al via per il forlivese: tanta paura ma nessuna conseguenza
Carabinieri
MONDRAGONE

Pirata della strada investe una bambina: ricoverata in condizioni gravissime

L’uomo, che aveva assunto cocaina, è ai domiciliari accusato di omicidio stradale
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Il folle gioco adolescenziale chiamato Planking
GIOCHI PERICOLOSI

Sdraiati sull'asfalto si fanno selfie mentre passa l'auto

Una nuova pericolosa sfida tra giovani che si è diffusa tra i social: il “Planking”

Non esiste salvezza a buon mercato

Quanto è forte il Vangelo di Luca della porta stretta, in cui Gesù ci parla della nostra Salvezza. Ci...