Le mamme da affidare alla Madre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Tutti abbiamo due mamme: una terrena e una celeste. Dove non arriva la prima, ci pensa la seconda. Madre è colei ti protegge da tutto il male del mondo, così fa la Madonna per ciascuno di noi, ci assiste continuamente dalla nascita alla morte.

Maria è la Madre di Dio, guida e speranza dell'umanità. Un detenuto napoletano, rispondendo alla domanda su chi fosse per lui la Vergine, ha detto: “La Maronna è 'na cosa grande!”. Sì, la Madonna è grande, perché si è resa piccola e umile. E' grande, perché si è resa docile e disponibile alla volontà di Dio.

Nella nostra vita la Madonna è una vera e propria scoperta. E' colei che realizza nel nostro cuore i sogni di Dio. Quando siamo preda del freddo della solitudine, lei ci copre; quando ci sentiamo scoraggiati, asciuga le nostre lacrime, quando siamo abbattuti e tristi, ci dona coraggio

Maria è la nostra Avvocata, la Combattente invincibile, la Condottiera delle opere di Dio. Sotto il Suo manto, siamo al sicuro e protetti, nessun serpente potrà morderci e avvelenarci, perché solo all'invocazione del Suo Nome le tenebre si diradano, si dissipano le nuvole e arriva subito la Luce. Maria è l'Ancora di Salvezza che non ci fa sballottare fra le onde del mondo, ma ci dà pace profonda del cuore per affrontare tutte le avversità e le prove della vita. Il “trucco” per vivere pacificati stia nell’affidamento a Maria; a lei dedichiamo questa preghiera: 

A te, Maria, apro il cuore e l’anima mia.
A te, Maria, mi stringo nell’ultima agonia.
A te, Maria, dono tutto il mio pianto, perché so che lo trasformi in canto.
A te, Maria, mi rivolgo per avvolgermi sotto il tuo manto, come nella storia ha fatto ogni peccatore e ogni santo. A te, Maria, mi rivolgo e chiedo «grazie» non per me, ma per il popolo di Dio che cammina e anela a te.
A te, Maria, crocifiggo la mia ribellione e la mia superbia, e tu, serva umile, rendi il mio cuore simile al tuo.
A te, Maria, Regina del Cielo e coronata di stelle, gli angeli si sottomettono, e quell’angelo ribelle è sconfitto, perché è sotto il tuo piede per sempre.
A te, Maria, guardo come un bambino che, meravigliato dal volto della sua Madre, rimane in silenzio e canta le tue lodi.
A te, Maria, ogni naufrago e ogni disgraziato sulla terra si rivolge, perché tu, Madre di misericordia, sei il canale «privilegiato» della salvezza.
A te, Maria, mediatrice e acquedotto di grazie, chiedo la «grazia delle grazie»: la conversione continua del mio cuore.
A te, Maria, un canto si leva nella notte, la tempesta è sedata nel mare, i venti impetuosi si trasformano in aria fresca e leggera.
A te, Maria, combattente invincibile, mi unisco, perché da solo perdo ogni battaglia, con te vinco la guerra della vita contro il maligno.
A te, Maria, che mi doni in terra la pace e in cielo la gioia eterna, affido tutto me stesso, perché tu interceda potentemente presso tuo Figlio, per ogni figlio o figlia che hai caro sulla terra. Amen.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.