VENERDÌ 30 MARZO 2018, 00:02, IN TERRIS

La bruciante attualità della passione

MONS. MICHELE PENNISI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Gesù porta la Croce
Gesù porta la Croce
I

l Venerdì Santo la morte in croce di Gesù Cristo continua ad essere ricordata non come una delle tante morti di innocenti condannati, ma come quell'unica morte che dà senso a tutte le tragedie umane e a tutto il peccato del mondo. Gesù Nazareno, con la sua sofferenza liberamente accolta, non solo rende ragione di tutto il dolore del mondo, ma se ne fa carico, lo sopporta e lo porta con sé fino al Golgota. La passione di Gesù, che è il momento più profondo di solidarietà di Dio con l'uomo che soffre e che muore, è di una bruciante attualità: egli è in agonia fino alla fine dei tempi.

La sua passione continua oggi in tutte le vittime innocenti delle guerre, del terrorismo, della fame, nelle violenze perpetrate sui bambini e sulle donne, nei cristiani martirizzati, in tutti i malati privi di cure, in tutti gli stranieri rifiutati e disprezzati, in tutti i disoccupati umiliati nella loro dignità e in tutti gli emarginati. Sant'Agostino afferma: "Il nostro capo è già in cielo, e tuttavia soffre ancora quaggiù finché la Chiesa soffre. Quaggiù Cristo ha fame, ha sete, è nudo, è forestiero, è malato, è in carcere. Tutto quello che il suo corpo qui soffre,lo soffre anche lui… Avviene come per il nostro corpo: il capo sta in alto, i piedi stanno per terra. E tuttavia, se nella calca qualcuno ti pesta i piedi, il capo non grida forse: mi hai pestato?” (Sermo 137).

Anche per noi, il processo di Gesù e la sua passione continuano davanti al tribunale della nostra coscienza. Sta a noi scegliere in che veste vogliamo entrare nella storia della passione di Cristo: se nella veste del Ci­reneo che si affianca a Gesù per portare con lui il peso della croce; se nella veste delle donne che piangono, del centurione che si batte il petto e di Maria che sta silenziosa accanto alla croce; o se vogliamo entrar­vi nella veste del popolo che è passato dall’Osanna al Crucifige, di Giuda che lo ha tradito, di Pietro che lo ha rinnegato, di Pilato che si è lavato le mani, degli apostoli che lo hanno abbandonato e delle folla dei curiosi che “guardano da lontano" come vanno a finire le cose. La morte di Gesù non è solo l’abisso estremo della malvagità umana, ma anche il segno supremo di un amore che è più forte della morte.

Nel Venerdì Santo non commemoriamo un morto, ma siamo chiamati a professare la nostra fede in Gesù Cristo morto una volta ma risorto per sempre. Il Dio crocifisso con il fianco squarciato, vuole toglierci il “cuore di pietra” indurito dall’egoismo e donarci un "cuore di carne" che non resti impassibile di fronte alle sofferenze altrui, ma le condivida e e ci conduca all’amore che risana e aiuta.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi
Pastore con le greggi
UNESCO

La Transumanza è Patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Bellanova: "Siamo fieri di questo riconoscimento per la tradizione rurale italiana"
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Marta Cartabia

Buone notizie

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione...
Il Banco dell'Agricoltura dopo l'esplosone

Piazza Fontana, una strage senza giustizia

Diciassette morti, uccisi dalla bomba piazzata al Banco dell'Agricoltura. Cinquant'anni dopo, un buco nella coscienza...

Il profitto ad ogni costo

In una barzelletta si racconta un processo per disastro edilizio per il quale vengono convocati in tribunale il...

Il Presepe violato

Di fronte all’escalation di profanazioni e strumentalizzazioni sacrileghe della fede, viene da chiedersi se in...
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
EMERGENZA STRESS

9 adulti su 10 a rischio burnout in ufficio

Affaticamento mentale in aumento. Migliora l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità