DOMENICA 19 MAGGIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua

BERNARD SAWICKI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'ultima cena (Andrea del Castagno)
L'ultima cena (Andrea del Castagno)
L

a gloria non gode di buona salute oggi, sembra provenire da un altro mondo, molto antico, lontano, obsoleto. Non sembra più un tema attuale in un'epoca, la nostra, caratterizzata da confusione e bisogno di purificazione. Lei, che un tempo era desiderata e splendida, oggi va in giro come un senzatetto. Disperata. E, tuttavia, paradossalmente riesce ancora a incontrare qualche amico sorprendente. Ritrova il suo posto, la strada disegnata per lei da Gesù. Lui che ne parla poco dopo l'uscita del traditore dal cenacolo.  

Quello che dovrebbe essere uno choc si trasforma in una cascata d'amore, di commozione. Con poche parole, quasi andando di fretta, il Signore cerca di trasmetterci le cose importanti. E parla della gloria e, o meglio, della glorificazione. La chiarezza e l'intensità è tale che sembrano parole provenienti direttamente dal cuore, frutto dell'esperienza che sta vivendo, ma anche della relazione tra lui e il Padre, chiamato semplicemente Dio. Uno scambio sublime e celeste, cose puramente divine.

Un attimo dopo Gesù sembra ricordarsi dei discepoli. Ma sembra parlargli da una posizione sovraordinata, dalla Sua gloria in Dio, che gli consente di guardare il tempo da una distanza divina. Non c'è nostalgia nelle sue parole ma solo una constatazione, espressa con amore e tenerezza: "Figlioli, ancora per poco sono con voi". Cosa dire di più? Cos'altro avrebbero dovuto ascoltare i discepoli? Erano consapevoli della particolarità e grandezza del momento?

Quanto affermato da Gesù offre una prospettiva totalmente nuova, che occupa lo spazio che si dipana tra tradimento, paura e insicurezza. Il Signore sembra versare un prezioso balsamo sulle piaghe dell’inadeguatezza, dei limiti, delle perplessità umane e di quanto ne deriva. In quei momenti nel cuore ribollono pensieri e dubbi. Tanti sono perplessi e sembrano entrare in confusione. A questo servono parole speciali e forti come quelle di Gesù sull'amore reciproco. Sono intensi, penetranti ma anche solenni, raccolte e fissate con una fibbia dall’espressione ripetuta tre volte “gli uni e gli altri”. Ecco la relazione. Una relazione triplice. Dalla dimensione dove si trovano Lui stesso e il Padre, Gesù compie un salto verso la nostra. Uno spazio fisico che sappiamo bene quanto possa dolorosoinsopportabile. Gesù lo sana, lo trasforma, lo pone al livello sublime della vita divina, riempiendolo d'amore e, quindi, di Dio stesso. E racconta tutto questo con semplicità incredibile. Come se si trattasse di cose normalissime. Siamo testimoni di una condivisione viscerale, tanto profondo e forte da diventare un comandamento.

Gesù non riesce più a sostenere l’imperativo che viene dal Padre. La gloria che sembrava appartenere solo a Lui e a Dio adesso è condiviso con gli esseri umani, assumendo la forma dell’amore. Un breve, ma essenziale, momento, nel quale le cose divine ed umane iniziano di essere collegate come mai prima. Si apre una fessura che, dopo essere stata allargate dalla Croce, diventeranno una strada. In questo modo, chiaramente eucaristico, la gloria può essere salvata e recuperata anche per i nostri tempi: la gloria di trovarsi in una dimensione intermedia, nell'amore. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Italia-Spagna 3-1. Chiesa festeggia la doppietta con Orsolini - Foto © Twitter
EUROPEO U-21

Notte magica per l'Italia, la Spagna è ribaltata: 3-1

Sfatato il tabù iberico: Chiesa (doppietta) e Pellegrini (rigore) portano gli azzurri in testa al girone
Carabinieri
PALMA CAMPANIA

Troppi schiamazzi: 83enne uccide il titolare di un chiosco

L'uomo è stato arrestato: era infastidito dai rumori. Feriti gravemente anche la figlia e il genero del titolare
Pasquale Grasso
NOMINE

Caos Procure, Grasso lascia la presidenza Anm

Il presidente rivendica "la correttezza del suo operato" e precisa: "Vi rispetto più di quanto rispettiate...
un'immagine subacquea del presepe
SAN BENEDETTO

La Natività subacquea ha un nuovo elemento

L’opera di San benedetto è stata anche riallestita
Nicola Zingaretti

La nobile arte del compromesso

Nicola Zingaretti ha varato la nuova segreteria del Pd, ed è già polemica interna. Soprattutto i renziani...
SS.ma Trinità

I tre fonti della Santissima Trinità

"Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, al Dio che era, che è, e che viene": queste parole...