VENERDÌ 19 APRILE 2019, 00:02, IN TERRIS

Guardarsi nello specchio della Croce

MONS. MICHELE PENNISI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I segni della Passione
I segni della Passione
I

l Venerdì Santo è il giorno della passione di Cristo, del silenzio e del digiuno, della preghiera e della contemplazione del Crocefisso. E’ il giorno in cui si manifesta nella sua verità il mistero insondabile di un Dio che si rivela come un Dio dei vinti, che contesta il successo terreno come misura di tutte le cose; ma è anche il giorno in cui l’uomo riconosce e trova sé stesso. In Gesù crocefisso si rivelano la dignità e la grandezza che appartiene a ogni uomo per il fatto stesso di avere un volto e un cuore umano.

Scrive in un sermone Sant'Antonio di Padova: "Cristo sta appeso davanti a te, perché tu guardi nella Croce come in uno specchio. Se guarderai lui, potrai renderti conto di quanto grandi siano la tua dignità e il tuo valore.  In nessun altro luogo l'uomo può meglio rendersi conto di quanto egli valga, che guardandosi nello specchio della Croce". Gesù, il Figlio di Dio, è morto per te, per me, per ciascuno di noi, e così ci ha fornito la prova concreta di quanto grandi e preziosi noi siamo agli occhi di Dio, gli unici occhi che superano tutte le apparenze e vedono fino in fondo la realtà delle cose. Scrive il card. Walter Kasper: "Uomo, tu sei molto di più di tutto quello che il mondo ha da offrirti. Tu vali più del denaro, più della carriera, più dei piaceri e della semplice vita comoda. Dio ti offre di più. Dio ti offre il suo amore; in esso tu sei protetto, qualunque cosa accada; in esso trovi la pace interiore, trovi la gioia interiore, trovi la speranza”.

Il Venerdì santo non è un giorno di lutto, bensì è il giorno in cui si celebra l'amore di Dio per l'uomo. Il nostro atteggiamento è di immergersi nel dolore di Cristo, lasciarsene compenetrare, ma non fermarsi a esso. Il dolore è solo il segno; la realtà significata è il suo amore per noi. E di fronte all’amore gratuito di Cristo il primato deve essere dello stupore, della gratitudine e della gioia. Amati da Cristo possiamo riamarlo nel nostro prossimo e particolarmente nei fratelli e nelle sorelle che soffrono per la povertà, l’emarginazione, le conseguenze delle ingiustizie, delle varie forme di violenza e delle guerre.

La vera adorazione spirituale della Croce cui oggi i credenti siamo chiamati è adorazione dell'amore sconfinato del Crocifisso. La riconoscenza deve manifestarsi in atti di solidarietà e di accoglienza. Noi siamo invitati ad adorare la Croce esprimendo con un bacio tutta la nostra gratitudine, per quanto da essa abbiamo ricevuto, e per essere solidali con quanti ancor oggi soffrono e amano. Oggi tutti siamo invitati a fare un gesto di tenerezza verso Gesù che ci ha salvato. Baciando Cristo crocifisso baciamo le ferite luminose del corpo del Signore che ci hanno guariti dai nostri peccati, ma anche tutte le ferite del mondo, tutte le ferite dell'umanità, tutte le nostre ferite, che Gesù Cristo è venuto a lenire e a sanare. baciamo tutti quelli che ci hanno fatto del male perché il sangue di Cristo ha abbattuto il muro dell'inimicizia ed ha riconciliato tutti gli uomini con Dio e fra di loro.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Quando le alchimie politiche non pagano

Dunque l’azione di governo s’interrompe qui. E finisce poco prima delle sedici di un martedì...
Matteo Renzi, Ignazio La Russa, Anna Maria Bernini ed Emma Bonino
CRISI DI GOVERNO

Tra voto e nuovo governo: il dibattito in Senato

Si susseguono gli interventi dei rappresentanti politici dopo i discorsi di Conte e Salvini
Giuseppe Conte e Matteo Salvini
CRISI DI GOVERNO

Conte ai senatori: "Rassegnerò le mie dimissioni"

Il presidente del Consiglio relaziona in Aula sugli scenari aperti dalla crisi
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua