Estate: tempo di silenzio e solitudine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Una canzone di Jovanotti intitolata “Estate” dice: “Sento il mare dentro a una conchiglia estate l'eternità è un battito di ciglia”. L'estate non deve essere la vendemmia del diavolo, come diceva Don Bosco, ma un tempo prezioso da dedicare al silenzio, alla lettura di buoni libri, al riposo, alla gioia e al divertimento sano. Questa stagione è il tempo in cui il “sole” dovrebbe riscaldare i cuori freddi dell'inverno e renderci più umani e più pacificati interiormente.

Nel libro “Beata solitudine – il potere del silenzio” (ed.Piemme), lo psichiatra Vittorino Andreoli (che si definisce un non credente nonostante nei suoi lavori sembra esserci sempre una traccia di Dio) definisce il silenzio “l'igiene della mente”, l'unica “azione rivoluzionaria che può riportare equilibrio al nostro vivere”. Ultimamente il capo della Apple, Tim Cook, ha dichiarato: “Non abbiamo mai voluto che le persone utilizzassero eccessivamente i nostri prodotti. Vogliamo che i nostri dispositivi rendano gli utenti più autonomi, più emancipati, che li aiutino a fare cose che altrimenti non potrebbero fare. Ma se passi tutto il tuo tempo al cellulare, è troppo“.

Lo stesso Cook ha raccontato di essersi accorto a un certo punto di essere diventato dipendente dal suo iPhone: troppe notifiche che fanno vibrare in continuazione il telefonino e che spingono a sbloccarne lo schermo troppo frequentemente. “Quello che abbiamo cercato di fare è stato ragionare profondamente su come affrontare questo problema”, ha spiegato il numero uno di Apple. Compito non semplice per tutte le multinazionali coinvolte. E' importante, tuttavia, riflettere seriamente su questo problema se esso “inquina” la nostra vita vera e sociale, non virtuale. Siamo malati di rumore e di inquinamento visivo e acustico, dobbiamo riscoprire la Bellezza del silenzio e della solitudine per non disperderci, ma raccoglierci in Dio, tutto questo per fare una carità migliore verso gli altri. Vittorino Andreoli scrive: “Siamo fatti tutti di rumori e abbiamo bisogno di rumori per dare energia al rumore”.

Il silenzio invece, mette in evidenza un suono che non era percepibile nel rumore. Oltre a essere igiene della mente è anche pulizia del cuore, scoperta di tutti i bellissimi suoni della natura. Il silenzio è il telescopio del Cielo (fuori e dentro di noi) e il microscopio dell'anima (vediamo delle cose di noi stessi di cui normalmente)”. In questa estate restiamo in silenzio per far parlare Dio dentro di noi e fare il punto della situazione della nostra vita.

Ho dedicato la mia vita al silenzio e alla pratica di esso soprattutto facendo dei corsi per aiutare gli altri in modo particolare i giovani, perché in un mondo di tante parole, strumento alle volte di potere, di carriera e di prevaricazione sugli altri, il silenzio è il non potere, ma segno di saggezza e di umiltà. Papa Francesco ha fatto mettere una copia della Vergine del Silenzio in Vaticano, vicino all'ascensore per la segreteria di Stato e per tutte le persone che vanno li. La Vergine del Silenzio è un segno profetico dell'attuale Pontificato proprio contro il terrorismo delle chiacchiere. La Madonna “ci dice” di non giudicare, di sospendere il giudizio sugli altri. Il giudicare è la manifestazione dell'esercizio del potere sugli altri, la Vergine Maria è impotente perché ha abbandonato totalmente il potere con il suo silenzio e con la sua umiltà. Imitiamola se vogliamo essere veri devoti di Maria.

Concludo con la consacrazione alla Vergine del Silenzio che ho scritto anni fa:
O Maria, Vergine e Madre del Silenzio, consacro a te tutta la mia vita.
Degnati di imprimere nel mio cuore il volto del tuo Figlio Gesù, morto e risorto per me.
All’annuncio gioioso dell’angelo tu hai detto “Fiat”, alle nozze di Cana mi hai insegnato a fare tutto quel che dice il Signore; sotto la croce mi hai dato l‘esempio di unione a Gesù obbediente al Padre.
Vergine del Silenzio,canale di grazia, donami ogni giorno la forza di una sincera conversione e di una vocazione stabile.
Maria, rugiada della Bellezza divina, rendimi un capolavoro di santità, realizzato al caro prezzo del sangue di Cristo.
O Maria, cattedrale del Silenzio, fa’ risuonare in me questa preghiera: “Non aver paura, perchè tu sei mio figlio e sei amato dal Padre celeste”.
Santa Maria, ancora di salvezza, ponte tra cielo e terra, guidami insieme agli angeli e ai santi a costruire il Regno di Dio sulla terra, affinchè possa vivere alla costante presenza della Ss. Trinità e desiderare per gli altri e per me la pace e la gioia senza fine della Gerusalemme celeste.
Amen 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.