DOMENICA 06 GENNAIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Epifania: che regali possiamo fare a Dio?

FRA EMILIANO ANTENUCCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Epifania del Signore
Epifania del Signore
"I

 Re Magi erano persone certe che nella creazione esiste quella che potremmo definire la 'firma' di Dio, una firma che l’uomo può e deve tentare di scoprire e decifrare". (Benedetto XVI). L'Epifania è la prima manifestazione divina di Gesù Cristo ai Re Magi. I doni dell'oro, dell'incenso e della mirra, indicano rispettivamente la regalità, la divinità e la prefigurazione della Passione dolorosa del Signore. Il dono più grande che possiamo fare a Dio è la nostra vita. L'Epifania è anche la “festa dei regali”, con la Befana che è una figura folcloristica e simpatica. Secondo la tradizione, si tratta di una donna molto anziana che vola su una logora scopa, per fare visita ai bambini nella notte tra il 5 e il 6 gennaio (la notte dell'Epifania) e riempire le calze lasciate da essi, appositamente appese sul camino o vicino a una finestra; generalmente, i bambini che durante l'anno si sono comportati bene riceveranno dolci, caramelle, frutta secca o piccoli giocattoli. Al contrario, coloro che si sono comportati male troveranno le calze riempite con del carbone o dell'aglio. Dio ha dato al mondo il regalo più bello il Suo Figlio Gesù e noi che regali possiamo fare? Nella parola “regalo” c'è la parola “re”, colui che ti fa un regalo ti fa sentire per un'attimo “re” o “regina”. I migliori regali sono quelli fatti ai poveri, perché non possono ricambiarci, ma sorridono e fanno festa, riacquistando la loro dignità di essere figli di un Re. Cosa possiamo regalare agli altri? I soldi... E' troppo facile alle volte regalare dei soldi per mettersi la coscienza apposto e fare “assistenzialismo”. La Chiesa non è una Ong (Organizzazione Non Governativa) o un'associazione di volontariato, ma come scriveva don Oreste Benzi: “Non riducete la vostra attività ad un atto di bontà, sentitevi invece mano nella mano costruttori di una storia che è la storia di Dio, non degli uomini!” oppure: “Coloro che organizzano nella Chiesa le opere di carità e non vivono la relazione d’amore con Dio, diventano impiegati della carità: è un pianto. L’amore di Cristo ci spinge a convertirci da impiegati a innamorati di Cristo per portare la salvezza a tutti”.

Quali sono i regali che possiamo fare agli altri?
1. Presenza: Non servono fare tanti regali alle persone, anzi i regali alle volte legano a sé e creano “dipendenza e manipolazione affettiva”. Il più bel regalo è la tua presenza, nel dire con il proprio cuore: “Ci sono!”. “Sono qui per te”. “Ti ascolto e non ti giudico”.
2. Tempo: Il tempo non è denaro, ma è gratuito: puro dono di Dio. Il tempo è il regalo più grande che puoi fare a qualcuno, perché regali un pezzo della tua vita che non tornerà più indietro. Dare del tempo ai poveri, alle persone, alla preghiera non è mai tempo perso o sprecato, anzi questa è la vera “banca” per il Paradiso.
3. Rispetto: L'etimologia del termine rispetto è da ricondursi al participio perfetto del verbo latino "respicere" (respectus); puntando l'attenzione sulla forma infinita, notiamo che essa è composta dal prefisso "re-" seguito da "spicere", traducibile letteralmente con "guardare di nuovo", da qui la nostra espressione "avere ri-guardo per qualcuno". Diceva la filosofa Simone Weil: “Nessuno ha più amore di colui che sa rispettare la libertà dell’altro”. Rispettare l'altro così com'è, non pretendere di cambiarlo, ma il grande rispetto per la sua vita e la sua storia personale è il primo atto di vero amore per gli altri.
4. Intercessione: Stare in mezzo alle persone pregando e senza giudicare. E' un servizio spirituale l'intercessione, significa molte volte mettersi nella “posizione del crocifisso” che è una posizione scomoda, ma che salva.
5. Aiuto concreto: Le persone hanno bisogno di essere guardate, amate, curate, ascoltate, consolate e rischiarate (cioè rendere chiaro o più chiaro ciò che è scuro, annebbiato, confuso con la luce della Parola di Dio). Aiutare significa essere attenti alla felicità dell'altro e trattarlo come si trattano i frammenti dell'Eucarestia con riverenza, rispetto e delicatezza.

Il mondo non è dei furbi, dei violenti e degli egoisti, ma dei miti, deipacifici e dei generosi: questi sono i veri rivoluzionari del vangelo. Dobbiamo costruire la società del gratuito, come insegna don Oreste Benzi: “Non lasciarti inquinare dal calcolo di quanto puoi guadagnare o perdere negli atti che compi, chiediti solo quanto puoi amare gratuitamente. Meno ricevi, tanto più sei gratuito; tanto più sei figlio di Dio che ama gratuitamente. Dio quando ci ha creati non ha pensato a quanto avrebbe guadagnato creandoci. Egli invece ha pensato a quanta gioia ci avrebbe donato. Così non pensare a quanto puoi ricevere, ma pensa a quanta gioia dai perché sei stato creato a immagine e somiglianza di Dio. Il segno che sei in questa ottica è l’invitare alle tue feste i ciechi e gli storpi, tutti coloro che non ti possono dare il contraccambio”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Nicola Zingaretti

La nobile arte del compromesso

Nicola Zingaretti ha varato la nuova segreteria del Pd, ed è già polemica interna. Soprattutto i renziani...
Francesco Totti agli esordi
CALCIO CAPITALE

Roma triste, Totti va via

Lunedì l'annuncio: dopo aver lasciato l'attività agonistica, la bandiera si dimette anche da dirigente
Italia under 21 festeggia un gol
EUROPEO UNDER 21

Gli azzurrini e la voglia di tornare sul tetto d'Europa

Domani a Bologna l'esordio contro la Spagna, avversaria sempre molto scomoda
Autobomba a Mogadiscio
SOMALIA

Ancora un'autobomba a Mogadiscio: 8 morti

Il Governo ha creato nuovi posti di blocco per impedire altri attacchi di al-Shabaab
Pesce fresco
BENESSERE IN TAVOLA

Allarme Coldiretti: stranieri 8 pesci su 10, pericolo per la salute

Rapporto “Sos pesce italiano” presentato in occasione della Giornata nazionale del pesce italiano
L'epicentro del sisma
FRIULI VENEZIA GIULIA

Terremoto a Tolmezzo: oggi la seconda scossa

La prima si era verificata ieri pomeriggio nella medesima zona ma con magnitudo maggiore
Volante della Polizia
PISA

Percosse ai bimbi che non imparano il Corano

Arrestati due insegnanti ed indagato un membro di un'associazione islamica
Nave Sea Watch 3
MIGRANTI

Sea Watch 3, vietato l'ingresso in Italia

Firmata la disposizione dal ministro Salvini: messo il pratica il decreto Sicurezza bis
Franco Zeffirelli
LUTTO NEL CINEMA

Morto il maestro Franco Zeffirelli

Il regista fiorentino se ne va a 96 anni
Robert Habeck e il card. Reinhard Marx
GERMANIA

Asse tra Verdi e Chiesa cattolica tedesca

Incontro tra il leader del partito rivelazione alle Europee e il card. Marx: "Al centro della politica l'uomo"