DOMENICA 03 FEBBRAIO 2019, 00:04, IN TERRIS

Conoscere la nostra debolezza

MONS. ANTONIO INTERGUGLIELMI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Donna in riva al mare
Donna in riva al mare
Q

uante volte anche noi nella nostra vita ci siamo fatti questa domanda; dinanzi a quell’incontro, a quel fratello che ci annunciava la Misericordia di Dio, ce lo siamo chiesti. L’incapacità di saper guardare oltre il nostro sguardo, i nostri preconcetti, è spesso la causa dell’incapacità di convertirsi: ma è possibile che Dio si serva proprio di quella persona, così debole e umanamente inadatta, per annunciarmi la Sua Salvezza? Anche i concittadini di Gesù, dinanzi alla Sua Sapienza, hanno questa reazione.

Sono così scandalizzati da quello che annuncia “il figlio del falegname” da cercare di gettarlo giù dal monte: “ma come, proprio lui, viene ad insegnare a noi la via della Salvezza? Ma noi conosciamo bene chi è…”Difficile dare spazio alla “fantasia di Dio”, alle Sue scelte inaspettate, lasciarsi sorprendere dalla Misericordia di Gesù. Ma Dio ha strade diverse dalle nostre, le Sue scelte non guardano l’aspetto esterno, non apprezzano le forme e i manierismi: il Signore guarda il cuore dell’uomo.

In quel fratello che tu stai giudicando, che pensi “mai cambierà…non c’è nulla da fare” Dio legge il suo cuore, il desiderio di bene che c’è in ogni uomo. E lo tocca con la Sua Grazia, converte il suo cuore e ne fa un suo discepolo, un suo testimone prediletto proprio perché conosce la sua povertà e non si appoggerà più sulla sua bravura ma sulla Grazia di Dio. E’ per questo che Gesù sceglie proprio Pietro per essere il primo degli apostoli: quell’uomo che per viltà lo ha rinnegato tre volte ha conosciuto la sua debolezza e allora può guidare la Chiesa. E’ diventato consapevole che lui, senza Cristo, non può fare nulla. E’ il peggiore di tutti. Solo conoscendo come Pietro la nostra debolezza potremo cominciare a non contare più su noi stessi, sui nostri progetti, sulla nostra buona volontà: potremo finalmente dare spazio alla Grazia e lasciarla operare in noi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Sergio Mattarella
ELEZIONI EUROPEE

Mattarella: "Sovranismo? Non minaccerà l'Ue"

Il Capo dello Stato a "Revue de Politique Internationale": "Sull'immigrazione servono soluzioni europee"
Corydalis densiflora subsp. apennina
MARCHE - UMBRIA

Scoperta una nuova pianta sugli Appennini

L'Italia è il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea
Sfruttamento della prostituzione
TORINO

Sfruttamento della prostituzione: 11 arresti

I fermati sono 8 donne e 3 uomini tutti di nazionalità nigeriana
Armando Siri
CAOS GOVERNO

Siri si difende: "Usato come carne da macello"

Il sottosegretario: "Tangente? Ma siamo matti? Mai preso un soldo"
La chiesa dell'Abbazia di Praglia
PADOVA

L'acqua e i benedettini, tra storia e discernimento

Nell'Abbazia di Praglia, i cicli di seminari di "Armonie composte - Gestione, cura e costruzione del suolo"