Il futuro dellla nostra Comunità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:46

Incontrando insegnanti, studenti e genitori insieme per discutere i problemi della scuola odierna, è stato davvero interessante e produttivo il confronto a tutto campo; ha dimostrato quanto sia decisivo, per qualsiasi buona intenzione, relazionarsi partendo da basi semplici per affrontare temi complicati. Si sa che, da un po’ di tempo a questa parte, i soggetti principali per la scuola quali genitori, insegnanti e studenti, vivono le proprie responsabilità e compiti disordinatamente. I genitori delegando completamente le proprie responsabilità, salvo poi assumere il ruolo di censori nei confronti dei docenti; i docenti impauriti e demotivati dall’accerchiamento di carenze di strumenti e difficoltà di governo dei propri compiti, svolgono il loro impegno al minimo delle possibilità; gli studenti dal canto loro non possono che essere spaesati e taluni di loro si impegnano di meno, quando non scadono in comportamenti censurabili. Insomma bisogna ricostruire un rapporto di fiducia è un ambito di responsabilizzazione. I genitori devono partecipare concretamente alla verifica degli step di apprendimento attraverso la conoscenza puntuale del programma in collaborazione con il docente, il tutoraggio a favore del proprio figlio nello svolgimento dei compiti a casa, recuperando fiducia nell’insegnante. I docenti devono recuperare interamente la vocazione alla responsabilità di soggetto privilegiato che trasmette e dona scienza e conoscenza ai discenti. I governi e i cittadini tutti devono collaborare, a che famiglie e scuola si diano un nuovo patto di collaborazione, nella consapevolezza che la buona scuola è una garanzia per il futuro dei nostri giovani che sono il futuro della nostra comunità.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.