Usa: uomo arrestato dalla polizia muore come George Floyd

La vittima è Edward Bronstein, 38 anni, fermato per un controllo stradale in California. A distanza di quasi due anni dalla tragedia, un giudice ha ordinato la diffusione del video choc registrato da uno degli agenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:02
La vittima: Edward Bronstein

Spunta un altro video shock in Usa sull’uso della forza della polizia durante gli arresti. Un caso analogo a quello di George Floyd ma anteriore di due mesi che certamente provocherà forti reazioni. La vittima è Edward Bronstein, 38 anni, fermato per un controllo stradale in California. A distanza di quasi due anni dalla tragedia, un giudice ha ordinato la diffusione del video, registrato da uno degli agenti.

Il video choc

Nella clip di 18 minuti – scrive Ansa – si vedono gli agenti stendere a terra Bronstein, ammanettarlo e premere con le ginocchia sulla sua schiena per un prelievo di sangue mentre lui grida che è pronto a farlo volontariamente. Poi continua a ripetere le stesse parole di Floyd, “I can’t breathe” [non riesco a respirare, ndr] prima di perdere conoscenza per 3 minuti e morire.

L’uomo ripete “I can’t breathe” e “Let me breathe” [lasciatemi respirare, ndr] per almeno 12 volte in 30 secondi e quando perde conoscenza i poliziotti continuano ad aspirare il sangue.

Poi gli agenti si accorgono che non c’è più battito, che non sembra respirare e solo dopo oltre 11 minuti dagli ultimi gemiti di Bronstein tentano inutilmente il massaggio cardiaco. La famiglia della vittima ha fatto causa ad una decina di poliziotti per uso eccessivo della forza e violazione dei diritti civili, contestando anche l’autopsia, secondo cui l’uomo sarebbe morto per “intossicazione acuta di metanfetamine durante l’arresto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.