Scomparsa Andreea Rabciuc: in corso il sopralluogo nell’area sequestrata

Andreea Rabciuc è la 27enne romena di cui si sono perse le tracce dalla mattina del 12 marzo a Montecarotto dopo un litigio col fidanzato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:42

E’ in corso nell’area sottoposta a sequestro nelle campagne di Montecarotto un sopralluogo condotto dai dai carabinieri del Ris e da quelli di Jesi alla presenza del pm di Ancona Irene Bilotta, che coordina l’inchiesta sulla scomparsa di Andreea Rabciuc, la 27enne romena di cui si sono perse le tracce dalla mattina del 12 marzo.

Nel terreno ci sono un casolare diroccato e una roulotte usata per feste private: lì Andreea ha trascorso la notte tra l’11 e il 12 marzo, insieme al fidanzato Simone Gresti, un 43enne autotrasportatore, ora indagato per sequestro di persona, e a un’altra coppia. Durante la serata la 27enne e il fidanzato avevano continuamente litigato, finché all’alba la ragazza si era allontanata a piedi, lasciando il telefono al compagno. Secondo Simone, Andreea “è viva e si sta nascondendo. Sta usando anche alcuni profili social”. Per gli investigatori al momento tutte le ipotesi sono aperte.

Gresti indagato per sequestro di persona

Ieri mattina – riporta CentroPagina – i militari si sono recati nell’abitazione di Gresti, che abita a Maiolati Spontini con i genitori, e hanno sequestrato un pc, un tablet, il suo cellulare, la macchina e gli indumenti che indossava sabato 12 marzo la sera della festa.

Insieme a Simone, alla festa erano presenti anche Francesco, il titolare del casolare sulla Montecarottese dove si è svolta la festa, e una loro amica Aurora che è ospite di una comunità di recupero. Sono stati tutti sentiti dai carabinieri, insieme a una quarta persona, Valentino, l’ex fidanzato di Aurora che pur non essendo presente alla serata, risulterebbe dalle indagini come persona informata dei fatti. Intanto si cerca Andreea, di lei si sono perse le tracce lo scorso 12 marzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.