Rossano: tre operatori maltrattavano i disabili per “istinto sadico”

Due operatori sociosanitari e un educatore di una onlus di Rossano sono agli arresti domiciliari per maltrattamenti nei confronti di persone disabili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:31
meter

Due operatori sociosanitari e un educatore di una onlus di Rossano (in provincia di Cosenza) sono agli arresti domiciliari per maltrattamenti nei confronti di persone disabili. L’indagine è stata condotta attraverso riprese audio e video e servizi di osservazione: è partita nell’autunno 2021 ed è arrivata all’aprile di quest’anno.

I tre sarebbero responsabili di reiterati atti di vessazione e di violenza sia fisica sia psicologica nei confronti di ragazzi diversamente abili seguiti in un centro diurno. Secondo la nota del procuratore di Castrovillari Alessandro D’Alessio, questi metodi servivano a “mantenere il controllo della struttura” e, per uno degli arrestati, per “sfogare i propri istinti sadici”.

Clima di terrore, comportamenti violenti e mortificanti

L’inchiesta ha documentato il sistematico ricorso all’intimidazione e alla violenza nella struttura nella quale vi era “un vero e proprio clima di terrore tra i ragazzi”. La volontà degli operatori, finiti ai domiciliari, era, in questo modo, consolidare il potere all’interno della struttura, alternando minacce, aggressioni vere e proprie, e persino la cosiddetta ‘terapia del dolore’, utilizzata in particolare su una delle vittime.

Dalle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari e condotta dai carabinieri del Reparto territoriale di Corigliano-Rossano, sono emersi numerosi comportamenti vessatori considerati ancor “più gravi” perché arrivati da parte di “coloro che avrebbero dovuto tutelare le persone caratterizzate da particolare fragilità psichica”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.