Rapine e botte a coetanei sui treni della Brianza: 4 minori in carcere

I 4 seminavano il panico aggredendo pendolari e giovani diretti a scuola, minacciandoli talvolta con un coltello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:43

Quattro minorenni sono stati arrestati dai carabinieri tra Seregno e Monza perché accusati di almeno cinque aggressioni violente e rapine sui treni, alcune anche a mano armata. Tre delle rapine sarebbero state fatte a dei coetanei, dunque minorenni anch’essi.

Le indagini sono state svolte dai carabinieri di Seregno coordinati dalla Procura per i Minorenni di Milano. Gli arresti, iniziati il 22 agosto scorso, si sono conclusi ieri con quello del minorenne marocchino, rintracciato dopo essere appena rientrato in Italia da una vacanza in Marocco con la famiglia.

Baby gang della Brianza

Le indagini dei militari hanno accertato che la banda agiva sui convogli in transito tra i due comuni della Brianza. I 4 seminavano il panico aggredendo pendolari e giovani diretti a scuola, minacciandoli talvolta con un coltello. I rapinatori, due minorenni italiani, uno marocchino e uno egiziano, agivano con la complicità di altri giovani che, seppur non presenti ai colpi, li aizzavano e sostenevano.

Il bottino delle rapine, che avvenivano a bordo dei treni e anche nelle stazioni, era di poche centinaia di euro. Puntavano le vittime e con una scusa le accerchiavano, minacciavano, a volte picchiavano, e poi gli strappavano collanina dal collo o cellulare dalle mani, oltre a denaro e abiti griffati.

Grazie anche alle immagini delle telecamere di videosorveglianza degli scali ferroviari, é emersa la serialità del gruppo. Durante una rapina la capotreno, che era intervenuta per bloccare i baby criminali, é stata aggredita. I quattro sono stati accompagnati nel carcere minorile di Milano. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.