Pietre e tubi su binari prima dell’arrivo treno: denunciati 6 studenti delle medie

I minori sono stati segnalati per danneggiamento e attentato alla sicurezza dei trasporti al Tribunale per i minorenni di Catania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:46

Giovanissimi ma gia pericolosi. Sei minorenni, che frequentano la stessa scuola media di un paese della provincia etnea, che sono stati scoperti dai carabinieri mentre stavano posizionando pietre e tubi di ferro sui binari nella stazione ferroviaria di Grammichele (Catania) col grave rischio di fare ‘sviare’ il treno dalla sua corsa. Alcuni di loro sono stati bloccati mentre lanciano dei sassi contro la facciata della stazione.

Il precedente: una tragedia sfiorata

I minori sono stati segnalati per danneggiamento e attentato alla sicurezza dei trasporti al Tribunale per i minorenni di Catania. Quattro di loro hanno meno di 14 anni e non sono imputabili. Dopo la loro identificazione, i militari dell’Arma hanno convocato in caserma i genitori ai quali sono stati riconsegnati.

Indagini sono in corso per accertare se sono stati loro, il 18 maggio 2021, a mettere sui binari, nello stesso tratto, pietre di grosse dimensioni, materiale ferroso, come cartellonistica stradale sradicata dagli alloggiamenti, e rastrelliere di ferro per biciclette. In quell’occasione l’impatto fu evitato dal macchinista del treno proveniente da Catania e diretto a Caltagirone che, rallentando nell’avvicinarsi alla stazione ferroviaria di Grammichele, era riuscito a fermare tempestivamente il convoglio. Il materiale all’epoca fu ritenuto “idoneo a compromettere la sicurezza del trasporto con il ‘possibile svio del treno'”. E con danni a persone e cose potenzialmente gravissimi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.