Paura a Lanciano: auto punta e investe due anziani in zona pedonale

Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Lanciano.  Al momento non si conoscono dettagli certi sull'identità dell'investitore.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16

Tragedia sfiorata stamani a Lanciano, in provincia di Chieti. Una Fiat Punto Bianca guidata da un uomo è entrata nel Corso Trento e Trieste di Lanciano (Chieti), che è zona pedonale, ha accelerato all’improvviso e investito due persone.

I feriti: due anziani, illeso il bambino

Secondo Rete8.it, si tratterebbe di un anziano e di un’anziana donna con il nipotino. A riportare i maggiori danni è stato l’uomo che è stato trasportato al pronto soccorso a bordo di un elisoccorso. Mentre la donna è stata sbalzata dall’altra parte della strada ed ha riportato diverse contusioni. E’ stata trasportata nel pronto soccorso dell’ospedale “Renzetti” per accertamenti a bordo di un’ambulanza, ma non è in pericolo di vita. Illeso il nipotino.

Secondo quanto riporta la testata locale VideoCittà, l’uomo avrebbe puntato deliberatamente le persone facendo zig zag per colpirle. Non è chiaro se le conoscesse o se fossero vittime casuali. Neppure le motivazioni alla base del folle del gesto sono state ancora ufficializzate.

Sconvolti i testimoni. testimoni raccontano a Tgcom24 di un vero e proprio far west nel corso principale della città, dove tra l’altro oggi inizia la festa patronale della Madonna del Ponte.

Sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Lanciano.  Al momento non si conoscono dettagli certi sull’identità dell’investitore.

Secondo alcuni quotidiani locali, l’automobilista, un 40enne, dopo aver investito i due pedoni avrebbe cercato di allontanarsi passando sul marciapiede, ma avrebbe tamponato un mezzo e sarebbe così stato bloccato.

Secondo Ansa, si tratterebbe invece di un 25enne che avrebbe rubato l’automobile, rinvenuta dalla polizia poco dopo i fatti in località Sant’Egidio/Torri montanare.

Il conducente del mezzo è stato posto in stato di fermo dai carabinieri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.