Operaio muore investito sulla A14: aveva 37 anni

Un operaio di una ditta appaltatrice che stava eseguendo lavori sull'autostrada A14 Bologna-Taranto è morto dopo essere stato investito da un mezzo pesante. Aveva 37 anni ed era di Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:43
Infrastrutture

Un operaio di una ditta appaltatrice che stava eseguendo lavori sull’autostrada A14 Bologna-Taranto è morto dopo essere stato investito da un mezzo pesante. Aveva 37 anni ed era di Napoli.

La dinamica dell’incidente

L’incidente è avvenuto poco prima delle 2:00 di questa notte, 6 aprile, nel tratto compreso tra San Severo e Foggia in direzione Bari, all’altezza del km 548, che è stato chiuso al traffico per diverse ore per consentire i rilievi della Polizia. Lo comunica il gruppo Autostrade.

Da quanto riporta Ansa, la vittima stava eseguendo lavori di manutenzione del manto stradale per conto di una ditta appaltatrice pugliese. Il mezzo che l’ha investito, nel tratto compreso tra San Severo e Foggia, circolava sulla carreggiata Sud. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i soccorsi sanitari e meccanici, le pattuglie della Polizia stradale ed il personale della direzione ottavo tronco di Bari di Autostrade per l’Italia.

Tratto autostradale riaperto al traffico

E’ stato riaperto al traffico poco dopo le 8:00 il tratto dell’autostrada A14 Bologna-Taranto compreso tra San Severo e Foggia in direzione Bari che era stato chiuso a causa dell’incidente mortale. Sul tratto si circola su una sola corsia verso Bari e non si registrano disagi al traffico. In alternativa, “agli utenti provenienti da Pescara e diretti verso Bari” Autostrade consiglia, “dopo l’uscita obbligatoria a San Severo, di percorrere la viabilità esterna verso Foggia, dove rientrare in autostrada direzione Bari”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.