Napoli, aliscafo per Ischia impatta contro il molo: 28 feriti tra cui una neoonata

Un aliscafo diretto ad Ischia ha impattato contro il molo San Vincenzo del porto di Napoli pochi minuti dopo la partenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:13
Immagine di repertorio

Brutto incidente questo pomeriggio nel porto di Napoli. Un aliscafo diretto ad Ischia ha impattato contro il molo San Vincenzo del porto di Napoli pochi minuti dopo la partenza.

Nell’incidente sono rimasti feriti 28 passeggeri, di cui 3 bambini, nessuno in modo grave; tra loro una neonata di pochi mesi, che è stata portata a terra con una motovedetta della Guardia Costiera e accompagnata in ospedale per accertamenti.

Sul posto sono giunti immediatamente i soccorsi; le motovedette delle guardia costiera hanno disposto le operazioni di recupero, mentre un battello ha raggiunto l’aliscafo per prelevare i passeggeri e portarli a terra. La zona di fatto è chiusa al pubblico poiché demanio militare.

L’incidente dell’aliscafo

L’aliscafo “Città di Forio” aveva mollato gli ormeggi al Molo Beverello alle 12:10 per procedere verso Ischia Porto e Forio, a bordo c’erano circa 100 passeggeri.

Mentre si trovava ancora all’interno del porto di Napoli, il mezzo ha improvvisamente virato verso destra finendo per sbattere contro le banchine del San Vincenzo.

Ancora da accertare le cause. Al momento non si esclude un errore di manovra, così come un guasto improvviso ai sistemi di comando dell’imbarcazione che potrebbero aver determinato la virata.

L’aliscafo ha riportato dei danni ma, a quanto si apprende, non rischierebbe di affondare, riporta la Capitaneria di Porto, I passeggeri sono stati trasportati con l’autobus verso il molo Beverello, da dove sono ripartiti per Ischia con un’altra imbarcazione. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.