Messico, sei fratellini muoiono nel rogo della baracca a Oaxaca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:19
Il luogo della tragedia

Sei fratelli di età compresa tra sei mesi e 11 anni sono morti dopo che la baracca in cui si trovavano ha preso fuoco nello stato meridionale messicano di Oaxaca. Lo si apprende dalle autorità locali. “Apparentemente la madre dei bambini ha acceso il fornello a gas al mattino ed è andata a lavorare. Quando è tornata la casa era in fiamme”, con i bambini all’interno, ha spiegato l’ufficio del pubblico ministero. Indagini sono in corso per comprendere l’esatta dinamica dell’incendio in quella che si presume essere una tragedia della povertà.

“Sei minori, membri di una famiglia, sono stati bruciati a morte quando la casa in cui vivevano presso l’agenzia Santiago Tilapa ha preso fuoco, nel comune di Coicoyán de las Flores, nella regione di Mixteca, ha confermato l’ufficio del procuratore generale dello Stato di Oaxaca (FGEO)”, scrive il quotidiano locale Lado.mx.

“Le vittime sono state identificate in Rosalba, 11 anni, César, 8; Irma, 6; Vittorio, 4; Gabriel, 1 anno, e un bambino di sei mesi, tutti con i cognomi Martínez García.
Secondo Marcelino López Reyes, autorità municipale di Tilapa, intorno alle 06:00 di questo lunedì l’incendio è stato registrato in un’abitazione privata, per la quale i vicini hanno partecipato soffocandolo in assenza della madre e del padre dei bambini. Secondo le prime versioni, la madre di famiglia accendeva il fornello, prima di partire per il mulino per prendere il mais e preparare l’impasto per le tortillas; tuttavia, in sua assenza, l’incendio probabilmente è andato fuori controllo e ha consumato la casa di legno. Dopo aver appreso di questa tragedia, il personale della Procura regionale per la giustizia nella Mixteca, inclusi elementi dell’Agenzia investigativa statale ed esperti, si è recato nella città indigena, situata adiacente allo stato di Guerrero, e ha avviato la cartella dell’indagine corrispondente”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.