Merano: studente si ustiona gravemente durante alternanza scuola-lavoro

Questo è il terzo incidente grave, quest'anno, in alternanza scuola lavoro. Sul posto sono intervenuti la Croce Bianca con il medico d'urgenza, i carabinieri e i vigili del fuoco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:31

Grave incidente sul lavoro, venerdì pomeriggio, in una carrozzeria di Merano, in provincia di Bolzano. Uno studente 17enne, che era impiegato in un percorso di alternanza scuola-lavoro, è rimasto gravemente ustionato assieme a un altro uomo di 36 anni all’interno di un’officina sembra per un ritorno di fiamma. Lo riporta Il Giorno.

Immediato l’intervento dei soccorsi: sul posto sono intervenuti la Croce Bianca con il medico d’urgenza, i carabinieri e i vigili del fuoco. Entrambi i feriti sono stati trasportati all’ospedale San Maurizio nel capoluogo altoatesino. Vista la gravità delle condizioni, il più giovane è poi stato portato nel centro ustionati di Murnau, in Baviera. Le sue condizioni appaiono molto gravi.

In fase di accertamento le cause di quanto accaduto: si sarebbe verificato un ritorno di fiamma da un’apparecchiatura, ma è ancora tutto da chiarire. I carabinieri della stazione di Merano hanno informato la Procura della Repubblica e l’Ispettorato del lavoro della Provincia autonoma di Bolzano. La zona è stata isolata, per consentire gli accertamenti. Sul posto anche i vigili del fuoco.

Terzo incidente grave in alternanza scuola lavoro da gennaio

Questo è il terzo incidente grave, quest’anno, in alternanza scuola lavoro. Sul posto sono intervenuti la Croce Bianca con il medico d’urgenza, i carabinieri e i vigili del fuoco.

“Questo incidente si aggiunge a una lunga lista di morti sul lavoro e all’interno delle scuole – dice Luca Redolfi, coordinatore nazionale dell’Unione degli studenti -, morti causati da un sistema malato, volto solamente al profitto. Esprimiamo solidarietà e vicinanza alla famiglia, i compagni di scuola e gli amici del ragazzo”.

“Vogliamo sicurezza dentro e fuori le scuole – continuano gli studenti – vogliamo che l’alternanza scuola-lavoro e gli stage vadano aboliti a favore dell’istruzione integrata che metta in critica il sistema produttivo attuale per costruire dai luoghi della formazione un modello diverso di società”.

“Evidentemente non sono bastate le morti di due ragazzi in stage [Il 18enne Lorenzo Parelli schiacciato da una trave e il 16enne Giuseppe Lenoci, morto in un incidente stradale, ndr] durante questo inverno”, afferma Bianca Chiesa, dell’esecutivo nazionale dell’Unione degli studenti, secondo cui “nonostante le oceaniche mobilitazioni studentesche che si sono susseguite, chiedendo una riforma strutturale del rapporto tra scuola e lavoro, il Ministro Bianchi continua ad ignorare le richieste degli studenti”. “Non staremo a guardare, il lutto non ci basta: seguiranno scioperi e mobilitazioni studentesche in tutto il paese”, conclude Redolfi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.