Lampedusa, hotspot al collasso: nave della marina pronta a trasferire 600 migranti

La nave San Marco della marina militare è attraccata a Cala Pisana, a Lampedusa. Imbarcherà, durante la giornata, 600 dei 1.850 migranti ospiti dell'hotspot di contrada Imbriacola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:32
frontiere

La nave San Marco della marina militare è attraccata a Cala Pisana, a Lampedusa. Imbarcherà, durante la giornata, 600 dei 1.850 migranti ospiti dell’hotspot di contrada Imbriacola. A piccoli gruppi, i migranti – già pre-identificati e sottoposti al tampone rapido per la diagnosi del Covid – verranno trasferiti dalla polizia a Cala Pisana.

Hotspot di Lampedusa al collasso

Nella struttura di primissima accoglienza, se non vi saranno approdi durante la giornata, dovrebbero rimanere 1.250 persone, a fronte di 350 posti disponibili. I trasferimenti dovrebbero continuare, con le motovedette della Guardia di finanza e della Guardia costiera, anche nella giornata di domani, per alleggerire in maniera consistente le presenze e consentire che sia l’interno che l’esterno dei padiglioni vengano ripuliti e sanificati.

Nel tardo pomeriggio di ieri, è arrivato ed ha fatto un sopralluogo il direttore centrale dei Servizi civili per l’immigrazione e l’asilo, il prefetto Michela Lattarulo del dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno.

Ha trovato sacchi della spazzatura traboccanti di resti di generi alimentari, cartacce e bottiglie di plastica; vestiti gettati alla rinfusa e una distesa infinita di bottiglie di plastica lungo i corridoi che portano ai bagni dove è ancora impossibile entrare a causa dei bisogni fisiologici e dell’odore nauseabondo, riporta TgCom24.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.