Iowa (Usa): uomo spara davanti a una chiesa di Ames

Due donne sono state uccise a colpi di arma da fuoco davanti a una chiesa di Ames, in Iowa. Morto l'aggressore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:29

Tre persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco in un parcheggio fuori a una chiesa di Ames, in Iowa (Usa) secondo quanto riferito alla stampa locale dallo sceriffo della contea di Story. Uno dei tre morti sarebbe l’aggressore.

Il capitano dello sceriffo ha detto che i servizi di emergenza hanno ricevuto diverse chiamate intorno alle 18.50, poco prima dell’una di notte in Italia, mentre nella chiesa era in corso un evento periodico per la sua pastorale giovanile. La sparatoria è avvenuta nel parcheggio della chiesa mentre altre persone erano all’interno dell’edificio, riporta Ansa.

L’attentato davanti la chiesa di Ames

La polizia ha riferito che un uomo adulto ha sparato uccidendo due donne e poi si è tolto la vita in un parcheggio fuori dalla chiesa di Ames, in Iowa, situata nei pressi di un importante raccordo stradale tra la Highway 30 e la Interstate 35. Il sospetto tiratore sembra essere morto per una ferita da arma da fuoco autoinflitta, ha detto lo sceriffo della contea di Story, il capitano Nicholas Lennie, sebbene le indagini sull’accaduto siano appena agli inizi. Non è stata neanche resa nota l’età delle due vittime né è stata individuata l’arma utilizzata nella sparatoria. Esclusa comunque ogni ulteriore minaccia per i passanti.

Ames, 30 miglia a nord di Des Moines, è il centro principale di un’area metropolitana di 126.195 ed è la sede della Iowa State University. È anche sede di importanti strutture di ricerca del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti, nonché di numerose industrie legate all’agricoltura, tra cui Renewable Energy Group, una società di biodiesel che Chevron ha recentemente acquisito per 3,15 miliardi di dollari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.