Incidenti lavoro: si impiglia in un macchinario, 79enne muore a Telgate

Giuseppe Finazzi, 79enne di Chiuduno, è morto a Telgate (Bergamo) dopo che uno dei suoi indumenti si è impigliato in un macchinario della sua officina meccanica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:53

Ancora una morte bianca nel luogo di lavoro. Giuseppe Finazzi, settantanovenne di Chiuduno, è morto ieri sera in un capannone di Telgate (Bergamo) dopo che uno dei suoi indumenti si è impigliato in un macchinario all’interno della sua officina meccanica CFM, in via Primo Maggio. Lo scrive oggi L’eco di Bergamo.

Il cordoglio dei familiari

L’uomo si era recato in ditta nel pomeriggio di domenica per terminare un lavoro. La moglie Luisa, non vedendolo rientrare per cena e visto che non rispondeva alle chiamate, si è preoccupata e ha così chiamato la figlia Maria Chiara, che ha chiesto al marito Armando Platto di andare a controllare. E’ stato il genero a trovarlo in officina senza vita, sul macchinario nel quale era rimasto incastrato l’abito che non gli ha dato scampo.

L’allarme è scattato verso le 20,30 di domenica 10 aprile: sono intervenute una automedica e un’ambulanza dell’Areu, i vigili del fuoco di Palazzolo sull’Oglio, i carabinieri di Grumello del Monte e l’Ats. Alla Cmf domenica sera, una volta avvertito della tragedia, si è precipitato anche l’altro figlio dell’artigiano, Roberto, 41 anni, docente di Statistica all’Università di Bergamo. Ma i soccorsi sono stati vani: il macchinario non aveva lasciato scampo all’anziano padre.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.