Incidente sul lavoro alla Bracco Imaging di Ceriano Laghetto: 2 feriti

Il raccordo di una tubazione di iodio vaporizzato ha ceduto e il vapore ustionante ha colpito i due operai. Uno è grave

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46
La Bracco Imaging

Due feriti, di cui uno in condizioni gravissime: è il bilancio di un incidente sul lavoro, avvenuto nella notte tra lunedì e martedì verso l’1.30, alla Bracco Imaging di Ceriano Laghetto, in via Fulvio Bracco, 35 a Cesano Maderno, in Brianza. La Bracco Imaging si occupa di produrre principi attivi per i farmaci e per i mezzi di contrasto utilizzati in Raggi X e risonanze magnetiche.

La dinamica dell’incidente

Un lavoratore, un uomo di 52 anni, ha riportato ustioni da iodio sul 90% del corpo ed è stato trasportato insieme al collega – che è rimasto ustionato sul 10% del corpo – al Centro specializzato per grandi ustionati dell’ospedale Niguarda. Entrambi erano coscienti all’arrivo dei soccorsi.

Da una prima ricostruzione, mentre era in corso la manutenzione notturna da parte dei due operai, entrambi cinquantenni e con esperienza, il raccordo di una tubazione di iodio vaporizzato ha ceduto e il vapore ustionante ha colpito i due operai (originari di Legnano e Seveso).

Il Gruppo Bracco

Il Gruppo Bracco, multinazionale del settore chimico e farmaceutico fondata nel 1927 da Elio Bracco, è uno dei maggiori leader mondiali nei mezzi di contrasto per la diagnostica per immagini, grazie alla molecola di iopamidolo, mezzo di contrasto non-ionico pronto all’uso, sviluppata negli anni Settanta.

In particolare, la Bracco Imaging Ceriano è specializzata nei principi farmaceutici attivi, utilizzati per produrre mezzi di contrasto per Raggi-X e MRI (risonanza magnetica). Lo stabilimento, attivo dal 1988, occupa una superficie di 300.000 m2, di cui circa una metà utilizzata come area industriale; il resto è parco agricolo.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.