La giornalista di Al Jazeera, Shireen Abu Akleh, uccisa in Cisgiordania

La giornalista Shireen Abu Akleh - volto noto e corrispondente di guerra dell'emittente Al Jazeera - è rimasta uccisa dopo essere stata colpita da spari alla testa nel corso di scontri fra miliziani palestinesi ed esercito israeliano nel campo profughi di Jenin in Cisgiordania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:55

La giornalista Shireen Abu Akleh – volto noto e corrispondente di guerra dell’emittente Al Jazeera – è rimasta uccisa dopo essere stata colpita da spari alla testa nel corso di scontri fra miliziani palestinesi ed esercito israeliano nel campo profughi di Jenin in Cisgiordania, un territorio senza sbocco al mare sulla riva occidentale del fiume Giordano, nel Medio Oriente. Shireen Abu Akleh aveva raccontato la Cisgiordania per oltre venti anni. Anche un altro giornalista è stato ferito.

Un mistero le responsabilità della morte di Shireen Abu Akleh

L’esercito israeliano (Idf) sta indagando sulla “possibilità” che la giornalista di Al Jazeera e l’altro cronista “siano stati colpiti da palestinesi armati” durante gli scontri di questa mattina nel campo profughi di Jenin, Cisgiordania. Aqleh è poi morta per le ferite riportate. Lo ha fatto sapere il portavoce militare secondo cui nell’operazione a Jenin “c’e’ stato un massiccio fuoco di decine di palestinesi armati contro i soldati“.

Secondo l’agenzia palestinese Wafa, invece (che cita il ministero della Sanità palestinese) la giornalista 51enne “sarebbe morta dopo essere stata colpita dall’esercito dell’occupazione [israeliano, ndr]”. “L’esercito israeliano ha aperto il fuoco nella sua direzione” avrebbe denunciato Ali Samoudi, un giornalista palestinese. Ancora le responsabilità certe della morte della cronista non sono note.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.