Fano, padre annega in mare: recuperato il colpo del figlio di 8 anni dato per disperso

Il mare a Fano era molto agitato fin dalla mattina e sulle spiagge sventola la bandiera rossa per segnalare che la balneazione è pericolosa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:52

Un uomo è morto annegato mentre stava facendo il bagno in mare nella spiaggia di Gimarra a Fano (Pesaro Urbino) con i due figli. Uno, di 13 anni, è stato trasportato in eliambulanza all’ospedale regionale di Torrette di Ancona.

Recuperato il colpo del figlio di 8 anni

L’altro figlio, di 8 anni, era stato dato per disperso. Ma alle 17:00 di oggi il corpo è stato individuato nei pressi di una scogliera. Le operazioni di recupero della salma – il bimbo è morto annegato – sono state effettuate dai vigili del fuoco e della Guardia costiera.

Sul caso stanno lavorando gli uomini della polizia locale di Fano. Tra le ipotesi sulla morte dell’uomo c’è anche quella di malore dovuto a una congestione.

Mare agitato con bandiera rossa

Il mare a Fano era molto agitato fin dalla mattina e sulle spiagge sventola la bandiera rossa per segnalare che la balneazione è pericolosa. Il padre e i due figli si trovavano nei pressi delle scogliere frangiflutto insieme ad un amichetto che si è salvato.

I primi soccorsi erano stati prestati dai gestori di stabilimento e bagnini, che avevano riportato a riva l’uomo e il ragazzino più grande. Arrivati in zona mezzi navali e aerei della Capitaneria di porto e Guardia costiera, oltre ai nuclei sub di Vigili del fuoco e Guardia costiera.

All’arrivo dei soccorritori, il ragazzino più grande è stato subito ventilato in acqua e trasportato in un luogo in cui gli sono state praticate le prime manovre rianimatorie. Per il padre invece non c’è stato nulla da fare. Purtroppo, neppure per il piccolo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.