Consegnavano la droga a domicilio: sei arresti nel palermitano

La droga veniva consegnata da un'efficiente rete di pusher direttamente a domicilio, ma quando i clienti non pagavano scattavano le ritorsioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:32
Minori
Spaccio di droga

Una vasta operazione, denominata in codice “Social Bamba”, è stata portata a termine dai carabinieri in Sicilia tra Palermo e San Mauro Castelverde, un comune delle Madonie. Stamane, i militari del nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale e delle compagnie di Cefalù e Petralia Sottana hanno eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 6 persone, emessa dal gip su richiesta della Dda, con l’accusa di rapina in concorso, aggravata dal metodo e dalle modalità mafiose, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione e rapina; quattro persone sono finite in carcere e due ai domiciliari.

L’organizzazione sarebbe stata il punto di riferimento per lo spaccio di droga, soprattutto cocaina, attraverso la fidelizzazione dei clienti anche con un efficiente e costante servizio di consegna a domicilio. La banda avrebbe commesso anche rapine ed estorsioni per potersi accaparrare farmaci veterinari per la cura del bestiame ai danni di un agente di commercio. Rapine aggravate dal metodo mafioso per agevolare alcuni soggetti del mandamento di San Mauro Castelverde. Un altro episodio di violenza contestato nell’ordinanza sarebbe stato commesso per recuperare somme di denaro da un cliente che non avrebbe pagato le dosi di cocaina.

L’indagine, condotta da un pool di magistrati coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Guido – si legge nel comunicato delle forze dell’ordine – rappresenta la continuazione dell’operazione “Alastra” che a giugno del 2020 aveva portato al fermo di 11 soggetti accusati, a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa, estorsione, trasferimento fraudolento dei beni, corruzione, violenza privata, furto aggravato e danneggiamento, e ha consentito di assestare un colpo alla famiglia mafiosa attiva nel mandamento di San Mauro Castelverde, dedita al traffico di droga.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.