Donne perseguitate a San Valentino: arrestati due ex a Napoli

San Valentino da dimenticare per due donne maltrattate e perseguitate dagli ex mariti. I casi a Posillipo e Ponticelli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13

San Valentino da dimenticare per due donne, maltrattate e perseguitate anche nel giorno in cui si festeggiano gli innamorati: teatro delle violenze, la stessa città, Napoli, in due zone diverse: a Posillipo e a Ponticelli.

Il caso di Posillipo

Il primo caso a Posillipo dove e i carabinieri hanno arrestato per atti persecutori un 46enne di origini srilankesi. Dopo una relazione finita male ha continuato a perseguitare la ex: da novembre scorso, ha pedinato ed aggredito più volte la donna, provocandole uno stato di ansia continua. Fino a ieri, quando si è presentato per l’ennesima volta sul luogo di lavoro della donna, che presta servizio come domestica in un’abitazione di Via Scipione. Davanti a casa si è trovata il 46enne. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri e l’uomo è finito in carcere. Ora è in attesa di giudizio.

Botte e pugni a Ponticelli

Dall’altro lato della città, nel quartiere di Ponticelli, il secondo caso proprio nel giorno dedicato agli innamorati. I militari del nucleo radiomobile hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia un 45enne già noto alle forze dell’ordine. Ha iniziato a litigare con la moglie per motivi futili e durante la discussione ha prima sfasciato un armadio e poi colpito la donna.

Schiaffi, un pugno allo zigomo e colpi alla testa con una gruccia appendiabiti. Poi minacce di morte, con un paio di forbici puntate contro. I carabinieri sono stati allertati da alcuni vicini che hanno sentito urlare e chiamato il 112. Il 45enne ha provato a fuggire ma è stato bloccato dopo una breve corsa. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Poggioreale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.