Camorra: arrestato Ciro Di Lauro, figlio del boss Paolo

Ciro Di Lauro è stato incriminato del duplice omicidio, avvenuto nel 2004, di Domenico Riccio e di Salvatore Gagliardi, vittima innocente della faida di Scampia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:40

I carabinieri di Castello di Cisterna, coordinati dalla Dda di Napoli, hanno arrestato, dopo 14 anni di latitanza, Ciro Di Lauro, figlio del capo dell’omonimo clan di Secondigliano e Scampia Paolo (detto Ciruzzo ‘o Milionario negli ambienti malavitosi) e fratello di Marco Di Lauro, latitante dal 7 dicembre 2004 fino al 2 marzo 2019, dal 17 novembre 2006 nell’Elenco dei latitanti di massima pericolosità. Il 2 marzo venne trovato disarmato nella propria abitazione con la moglie.

Ciro di Lauro e la faida di Scampia

Gli inquirenti contestano a tre persone e a Ciro Di Lauro (terzo dei quattro figlio di Paolo) il duplice omicidio, avvenuto il 21 novembre 2004, di Domenico Riccio, ritenuto vicino al clan Abbinante, e vero obiettivo del raid, e di Salvatore Gagliardi, vittima innocente in quella che venne definita la faida di Scampia per il controllo dello spaccio della droga.

Il clan di Lauro, tra i più potenti al mondo

Il clan Di Lauro è un sodalizio camorristico di Napoli, operante nell’area a nord, nei quartieri di Secondigliano e Scampia. Il nucleo centrale del clan è originario di Via Cupa dell’Arco. Al suo apice, tra i primi anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, l’organizzazione guadagnava più di 500.000 euro al giorno dalla sola vendita di droga, rendendo Secondigliano il più grande mercato della droga all’aperto d’Europa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.