Ecco quanti bambini sono stati rilasciati dalla detenzione dall’inizio della pandemia

Henrietta Fore, Direttore generale dell’UNICEF, torna a ribadire che soluzioni a misura di bambino sono possibili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:40

Secondo i nuovi dati lanciati dall’UNICEF oggi, oltre 45.000 bambini sono stati rilasciati dalla detenzione e sono ritornati in sicurezza nelle loro famiglie o in alternative adeguate dall’inizio della pandemia da COVID-19. Il rapporto Detention of children in the time of COVID(La detenzione dei bambini in periodo di COVID) rivela che i governi e le autorità detentive in almeno 84 paesi hanno rilasciato migliaia di bambini da aprile 2020, quanto l’UNICEF ha richiamato l’attenzione sul loro maggiore rischi di contrarre il COVID-19 in spazi confinati e sovraffollati e ha chiesto il loro rilascio immediato. Lo studio fa parte di una delle due analisi che mostrano la situazione per centinaia di migliaia di bambini privati della loro libertà ogni anno. Entrambi i rapporti vengono lanciati in vista del Congresso Mondiale sulla Giustizia Minorile.           

“Sappiamo da tanto che i sistemi della giustizia non sono bene attrezzati per gestire i bisogni specifici di un bambino – una situazione ulteriormente aggravata dalla pandemia da COVID-19”, ha dichiarato Henrietta Fore, Direttore generale dell’UNICEF. “Ci complimentiamo con i paesi che hanno ascoltato il nostro appello e che hanno rilasciato i bambini dalla detenzione. Proteggendo i bambini da condizioni che avrebbero potuto esporli a gravi malattie, questi paesi sono stati in grado di superare la resistenza pubblica e favorire soluzioni di giustizia innovative e appropriate all’età. Questo ha dimostrato qualcosa che già sapevamo – soluzioni per una giustizia a misura di bambino sono più che possibili“.

I bambini in detenzione – compresi quelli in custodia pre e post-processuale, in detenzione per motivi migratori, detenuti per conflitti armati o questioni di sicurezza nazionale o che vivono con genitori in detenzione – sono spesso trattenuti in spazi confinati e sovraffollati. Manca un adeguato accesso a servizi di nutrizione, assistenza sanitaria e servizi igienico-sanitari e sono vulnerabili all’abbandono, agli abusi fisici e psicologici e alla violenza di genere. A molti viene negato l’accesso ad avvocati e all’assistenza familiare e non possono contestare la legalità della loro detenzione.

Il COVID-19 ha colpito profondamente la giustizia per i bambini, chiudendo i tribunali e limitando l’accesso ai servizi sociali e di giustizia essenziali. I dati dimostrano che molti bambini, compresi quelli che vivono in strada, sono stati detenuti per aver violato le ordinanze di coprifuoco pandemico e le restrizioni di movimento.

In tutto il mondo, si stima che 261.000 bambini che si trovano in conflitto con la legge – quelli di cui si presume, che sono stati accusati o riconosciuti come colpevoli di un reato – vengano tenuti in detenzione, secondo la seconda analisi dell’UNICEF. Estimating the number of children deprived of their liberty in the administration of justice(Stimare il numero di bambini privati della loro libertà per l’amministrazione della giustizia) – la prima analisi di questo tipo dal 2007 – avverte che una registrazione incompleta e sistemi di dati amministrativi non sviluppati in molti paesi comportano che il numero sia probabilmente molto più alto.

Per reimmaginare la giustizia per i bambini e porre fine in sicurezza alla detenzione di tutti i bambini, l’UNICEF chiede ai governi e alla società civile di:

  • Investire nelle attività per la consapevolezza dei diritti legali per i bambini nei sistemi di giustizia e di welfare, specialmente per i bambini più emarginati.
  • Espandere l’assistenza legale gratuita, la rappresentanza e i servizi per tutti i bambini.
  • Dare priorità alla prevenzione e all’intervento precoce nei reati minorili e al dirottamento verso alternative appropriate.
  • Porre fine alla detenzione dei bambini, anche attraverso riforme legali per aumentare l’età della responsabilità penale.
  • Garantire la giustizia per i bambini sopravvissuti alla violenza sessuale, all’abuso o allo sfruttamento, anche investendo in processi di giustizia adeguati ai bambini e sensibili alle questioni di genere.
  • Stabilire tribunali specializzati a misura di bambino, e tribunali virtuali e mobili.

Ogni bambino detenuto è la prova del fallimento dei sistemi, ma questo fallimento è poi ulteriormente aggravato. I sistemi di giustizia destinati a proteggere e sostenere i bambini spesso aumentano la loro sofferenza”, ha dichiarato Fore. “Mentre i politici, gli operatori del diritto, gli accademici, la società civile, i bambini e i giovani si riuniscono al Congresso mondiale questa settimana, dobbiamo lavorare insieme per porre fine alla detenzione dei bambini”.

Note

I dati del rapporto “Detention of children in the time of COVID” sono stati ottenuti da un’indagine dell’UNICEF tra la sua rete di 157 uffici nazionali. Questi paesi del programma – compresi tutti i 138 paesi a basso e medio reddito più 19 paesi ad alto reddito – ospitano il 90% della popolazione mondiale di bambini.

I dati del rapporto “Estimating the number of children deprived of their liberty in the administration of justice” sono stati compilati da gennaio 2017 a ottobre 2021 attraverso sia la ricerca sul web che la sollecitazione a livello di paese. Le fonti dei dati includono registri amministrativi dei ministeri governativi incaricati di supervisionare i sistemi di giustizia, come i ministeri della giustizia, degli affari interni o degli affari sociali; siti web aggiornati o rapporti statistici nazionali distribuiti dagli uffici statistici nazionali; database centralizzati come EuroStat, TransMonEE.

Notizie sul Congresso Mondiale sulla Giustizia Minorile: 

https://justicewithchildren.org/online-2021/

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.