DOMENICA 14 GIUGNO 2015, 000:15, IN TERRIS

La regola per vivere in pace

AUTORE OSPITE
La regola per vivere in pace
La regola per vivere in pace
PADRE_POMMARESE’ un paradosso di prima grandezza: una regola fatta per i monaci, cioè proprio per quelli che hanno lasciato e rinunciato alla vita di famiglia, può aiutare invece quelli che hanno presso questa strada. A prima vista è un concetto paragonabile a qualcuno che si orienta nelle strade di Roma con la mappa di Napoli. O a qualcuno che cerca di realizzare il montaggio di un modellino di aeroplano con le istruzioni di una macchina a fare il caffè. Normalmente l’insuccesso è sicuro.

A meno che ci sia qualche cosa in comune. Per esempio se nella macchina a caffè e nell’aeroplano ci sono motori elettrici simili; allora potrebbe accadere che le istruzioni per l’una aiutino a fare l’altra. Per ritornare al nostro soggetto, monaci e famiglie hanno in comune una cosa: la natura umana. E si potrebbero trovarne anche altre, ad esempio il desiderio di servire Dio, il desiderio dell’armonia nella comunità, ecc.

Allora ecco la ricetta benedettina: l’obbedienza mutuale (Capitolo 71 della Regola di San Benedetto - L'obbedienza fraterna: “La virtù dell'obbedienza non dev'essere solo esercitata da tutti nei confronti dell'abate, ma bisogna anche che i fratelli si obbediscano tra loro, nella piena consapevolezza che è proprio per questa via dell'obbedienza che andranno a Dio. Dunque, dopo aver dato l'assoluta precedenza al comando dell'abate o dei superiori da lui designati, a cui non permettiamo che si preferiscano ordini privati, per il resto i più giovani obbediscano ai confratelli più anziani con la massima carità e premura).”

E’ chiaro che tutto non può essere presso alla lettera nell’ambito della famiglia. Ma c’è molto da imparare. Per esempio che la meta della nostra vita non è l’affermazione del sé sopra gli altri o l’autorealizzazione a tutti costi, ma nella famiglia è opportuno dare ad ognuno uno spazio di crescita.

Amare è volere il bene dell’altro, e quindi la sua crescita, in ogni dimensione. Quindi ogni membro della famiglia deve essere attento al bene degli altri. Non si tratta, per esempio, di assecondare sistematicamente i capricci dei bambini, né di cadere in sistematiche contraddizioni.

Ci vuole una sensibilità e una certa intelligenza che sta alla base della tradizione monastica. Bisogna saper ascoltare, aspettare ma soprattutto rispettare ed amare. Nel monastero – come nella famiglia – troviamo persone che non abbiamo scelte. Ma ci riunisce lo stesso scopo, che è quello di essere felici, di stare insieme per essere forti e raggiungere qualcosa.

Oggi molto spesso aziende e corporazioni in qualche modo seguono il modello della vita benedettina. Per avere successo ci vuole non solo disciplina ma anche una chiara guida; non è sbagliato dunque il detto che vuole la famiglia come la scuola migliore per la vita nella società.

I problemi ci saranno sempre, ma tutto è possibile avendo la giusta motivazione. Per i monaci ovviamente il motivo primo ed ultimo è Gesù. Per la famiglia basata sul sacramento di matrimonio, anche. Anzi, la professione monastica non è un sacramento, come lo è invece per una coppia di sposi. Allora la famiglia ha tanti mezzi – si direbbe persino migliori – per progredire verso la felicità piena e tanto umana. Coraggio!

.Jean-Marie Pommares OSB
www.anselmianum.com

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018