DOMENICA 25 OTTOBRE 2015, 16:00, IN TERRIS

Fede, sogno o presenza?

AUTORE OSPITE
Fede, sogno o presenza?
Fede, sogno o presenza?
Il problema della fede in Dio è il problema dell’esperienza di Dio. E – lo aggiungiamo, di fronte a tanti episodi di fanatismo religioso aberranti – è il problema dell’esperienza autentica di Dio vero.

Non c’è donna o uomo su questa terra che non abbia invocato il Cielo o riconosciuto un “passaggio” di un misterioso compagno di strada accanto a sé. Ma di qui ad una professione di fede esplicita c’è molta strada da fare, a volte il cammino sembra non iniziare neppure o non porta ad alcuna meta, ad alcun guadagno di senso: si interrompe dopo qualche passo maldestro. La circostanza provvidenziale, il gesto misericordioso che ci ha raggiunti, l’intuizione calda che ci ha fatti rivivere nel profondo e ha aperto un orizzonte di energie nuove, è smontata e ridotta a un ammasso inerte di cause – appurate o ipotetiche – che non ci tocca più nel nostro centro personale. Forse è stato tutto un sogno. O, peggio, un’allucinazione, da assunzione erronea della dose terapeutica di ciò che materialmente rinforza e riscalda il nostro sentire?

La tradizione benedettina per fare chiarezza offre l’esercizio della divina presenza. Essa parte dal fatto, attestato, che il Dio vero – che è buono – ha lasciato e lascia traccia di Sé per gli uomini. Ma occorre che il singolo si muova a riconoscerle decodificando il Suo linguaggio.
Non temere, è possibile decodificare i suoi segni.

Egli si è chinato verso l’umano, addirittura l’ha assunto. Il contesto dell’operazione è tutta la vita, si tratta di ripercorrere a livello di senso il moto del bambino svezzato. Guardalo per comprendere meglio la tua adultità.

Corre per la casa e nello spazio aperto, per esplorare ed assaporare ogni incontro: chi lo accudisce l’ha lanciato; però alle braccia di chi lo accudisce egli farà ritorno e gusterà di stare in esse.
L’esercizio della presenza di Dio parte dalle nostre potenzialità in atto e le riconduce, di tempo in tempo, alla loro origine: esso muove dalla consapevolezza che le energie e le nostre realizzazioni sono nostre, eppur non ci appartengono come cosa esclusivamente privata.
Non solo: muove dalla consapevolezza che quell’Origine ci fa anche partecipi della sua misteriosa fecondità senza confusione tra essa e il nostro sé.

Il Dio vero non è concorrente della mia libertà, l’ha voluta. Dio non è il rifugio in cui, grazie ad una fusione gratificante, curo le mie ferite. Può essere anche medico, ma è molto di più e mi apre alla dimensione “altra”. Non sono bambino/a incosciente, sono adulto/a, o chiamato ad esserlo, nella fiducia che c’è un rapporto e uno sguardo di pazienza che avvolge le mie strade e i mie passi.

Prova a mettere a tema in te stesso che, negli incontri e gli scontri nel tuo vivere, puoi scommettere su ciò che dura per l’eternità e dillo a Chi ti ha già toccato: recupera dentro di te il Volto e il Cuore e la presa delle mani buone di Chi ti parla e si china verso di te.

Annamaria Valli OSBap – monastero San Pietro, Montefiascone (VT); Istituto teologico viterbese aggregato all’Ateneo S. Anselmo (www.anselmianum.com)
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni