MARTEDÌ 03 MARZO 2015, 16:36, IN TERRIS

Yemen sempre più diviso: il nord in mano ai ribelli e il sud sotto il presidente Hadi

Gli Stati Uniti annunciano il suo sostegno al Paese nella campagna contro gli Houti, intanto viene liberato il diplomatico Khalidi rapito nel 2012 da al Qaeda

HORTENSIA HONORATI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Yemen sempre più diviso: il nord in mano ai ribelli e il sud sotto il presidente Hadi
Yemen sempre più diviso: il nord in mano ai ribelli e il sud sotto il presidente Hadi
Sembra sempre più vicina la spaccatura del Paese da quando il presidente Abd Rabbo Mansur Hadi è fuggito da Sana'a per stabilirsi ad Aden. Questa città infatti assume gradualmente il ruolo di capitale in quanto ospita incontri diplomatici internazionali, ma anche le sedi di molte ambasciate estere, prime tra tutti quelle di Egitto, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Kuwait. Intanto a Sana'a, attualmente sotto il controllo dei ribelli Houti, è atterrato il primo volo di linea iraniano della compagnia Mahan Air. Sarebbe il primo collegamento aereo tra le due capitali dopo 25 anni e frutto di un accordo, denunciato illegale dal presidente yemenita, tra la Repubblica islamica e le milizie Houti.

L'espansione iraniana nello Yemen tra i ribelli sciiti al Houthi "è una sfida senza precedenti per i paesi del Golfo". Lo sottolinea il ministro di Stato per gli Affari esteri negli Emirati Arabi Uniti, Anwar bin Mohammed Gargashe, secondo cui "gli sforzi dell'inviato dell'Onu, Jamal bin Omar, devono rispettare l'iniziativa delle sei monarchie arabe e le conclusioni del dialogo nazionale, altrimenti si legittimerebbe il golpe di al Houthi". Infine Gargashe ha commentato sul Twitter: "L'ultimo ponte aereo iraniano, invece, suscita preoccupazione e mira a rafforzare le conquiste ottenute". L'ambasciatore americano Matthiew Touller, ha incontrato il presidente nella città di Aden per annunciare il sostegno degli Stati Uniti a Hadi e alla sua campagna contro i ribelli Houthi.

Intanto proprio in questi giorni rimane un velo di mistero sulle modalità che hanno portato alla liberazione di un diplomatico saudita rapito nel 2012 nel sud dello Yemen. Un mese dopo il suo sequestro al Qaeda aveva chiesto la scarcerazione di tutti i suoi membri detenuti in Arabia Saudita, così come il pagamento di un riscatto per il console tenuto in ostaggio. Scomparso il 28 marzo di tre anni fa Khalidi è stato rilasciato in seguito ad "intensi sforzi" da parte dei servizi segreti. Non è ancora chiaro se le autorità abbiano dovuto pagare dei soldi in cambio della libertà del connazionale.

 
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"