LUNEDÌ 11 MAGGIO 2015, 002:01, IN TERRIS

YEMEN, L’ONU DENUNCIA: “CIVILI IN TRAPPOLA SOTTO LE BOMBE SAUDITE”

Secondo le Nazioni Unite, oltre 1400 i morti da inizio conflitto, oltre la metà sarebbero cittadini comuni

MILENA CASTIGLI
YEMEN, L’ONU DENUNCIA: “CIVILI IN TRAPPOLA SOTTO LE BOMBE SAUDITE”
YEMEN, L’ONU DENUNCIA: “CIVILI IN TRAPPOLA SOTTO LE BOMBE SAUDITE”
“Il bombardamento indiscriminato su aree popolate è contro il diritto internazionale” ha denunciato il rappresentante Onu in Yemen Johannes Van Der Klauuw, “profondamente preoccupato” per i raid dell’Arabia Saudita nel nord del Paese contro i ribelli Houthi. Gli scontri tra i sauditi di fede musulmana sunnita e gli Huthi (musulmani sciiti) sono aumentati considerevolmente dal 25 marzo 2015, quando 150 000 uomini delle forze militari dell'Arabia Saudita hanno colpito le posizioni degli Huthi nel tentativo di riportare al potere il Presidente ʿAbd Rabbih Manṣūr Hādī – deposto dai ribelli durante la primavera araba - e la minoranza sunnita. La Repubblica Islamica dell'Iran – a maggioranza sciita - non aveva mancato di elevare la sua voce di protesta, ammonendo l'Arabia Saudita di fermare immediatamente il suo intervento militare. Appello che, ad oggi, non è stato ancora accolto.

“Molti civili sono intrappolati nella capitale Saada, non hanno benzina per i trasporti”, ha spiegato Van Der Klauuw. I sauditi considerano Saada, roccaforte dei ribelli sciiti, una “zona di guerra”, e venerdì scorso hanno lanciato dei volantini ai residenti per avvertirli di fuggire. Per il rappresentante Onu colpire l'intera provincia “metterà innumerevoli civili a rischio” e i volantini non assolvono i sauditi dalla loro responsabilità.

L'Onu stima che finora i bombardamenti sauditi in Yemen abbiano ucciso almeno 1.400 persone, delle quali più della metà civili. Oltre 130 raid sono stati lanciati sabato in tutto il Paese “contro edifici, depositi di armi e campi dei ribelli”, ha riferito un portavoce della coalizione. Martedì alle 23 locali dovrebbe scattare la tregua di cinque giorni proclamata dall'Arabia Saudita, ma un rappresentate degli Houthi, Mohamed al-Bukhaiti, ha dichiarato alla Bbc che il cessate il fuoco non è stato formalmente proposto e loro non si adegueranno finché non sarà concordato un piano preciso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano