GIOVEDÌ 17 DICEMBRE 2015, 002:00, IN TERRIS

YEMEN, GLI HOUTI ACCUSANO RIAD: "VIOLATA LA TREGUA"

I ribelli sciiti: "Il cessate il fuoco non è stato rispettato. Risponderemo con forza"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
YEMEN, GLI HOUTI ACCUSANO RIAD:
YEMEN, GLI HOUTI ACCUSANO RIAD: "VIOLATA LA TREGUA"
Gli houthi hanno accusato la coalizione internazionale guidata dall'Arabia Saudita di avere volato il cessate il fuoco in vigore da mezzogiorno di ieri in Yemen, e hanno fatto sapere che risponderanno "con forza". "I Paesi dell'aggressione e i loro mercenari non hanno assolutamente rispettato la cessione delle ostilità chiesta dalle Nazioni unite", ha detto nella notte all'agenzia di stampa Saba il colonnello Sharaf Luqman, portavoce delle forze leali agli houthi, aggiungendo che "i Comitati popolari (le milizie houthi) lo rispettano alla lettera".

Martedì le forze della Resistenza popolare, la milizia leale al presidente Abd Rabbo Mansour Hadi, avevano riferito a Efe che i ribelli avevano effettuato numerosi bombardamenti contro le loro posizioni. Nell'ambito di questi scambi di accuse, Luqman ha dichiarato che l'alleanza araba sta compiendo "una grave escalation militare per terra, mare e aria in diverse zone dello Yemen". "Risponderemo con forza alle violazioni commesse dai Paesi della coalizione che ci ha aggrediti e dei suoi mercenari", ha concluso Luqman.

Intanto le parti in conflitto hanno raggiunto l'accordo per lo scambio di centinaia di prigionieri, come parte delle misure di rafforzamento della fiducia durante i colloqui di pace patrocinati dalle Nazioni Unite attualmente in corso in Svizzera. Lo ha riferito Abdel-Hakim al-Hasani, un alto funzionario della Resistenza del sud - forze alleate al presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi - spiegando che 360 membri del movimento houthi progionieri ad Aden e 265 civili e combattenti provenienti da sud dello Yemen saranno scambiati a mezzogiorno ( Un funzionario dell'autorità carceraria dei ribelli nella capitale Sanaa ha aggiunto che i progionieri del sud erano già saliti su un autobus diretto al luogo previsto per lo scambio, al confine tra l'ex sud e il nord dello Yemen.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"