DOMENICA 09 AGOSTO 2015, 14:00, IN TERRIS

YEMEN, AUTOBOMBA CONTRO I SOLDATI LEALISTI: 15 MORTI

L’esplosione è avvenuta nella base di Labouza, ultimo avamposto dei ribelli fedeli all’imam Abdel Malik al Houthi

STEFANO CICCHINI
YEMEN, AUTOBOMBA CONTRO I SOLDATI LEALISTI: 15 MORTI
YEMEN, AUTOBOMBA CONTRO I SOLDATI LEALISTI: 15 MORTI
Un grave attentato in Yemen ha procurato la morte di quindici persone. Si tratta dei militari lealisti vicini al presidente yemenita Abde Rabbo Mansur Hadi. Questi sono stati colpiti da una bomba lasciata dai ribelli sciiti Houthi in una base da cui si erano ritirati, nel sud del Paese. Lo riferiscono responsabili della sicurezza e miliziani anti-ribelli citati dall’agenzia Ap. L’esplosione è avvenuta nella base di Labouza, ultimo avamposto dei ribelli fedeli all’imam Abdel Malik al Houthi. L’ordigno, nascosto all’interno di un’automobile, ha provocato anche il ferimento di altri 20 militari. Violenti scontri, inoltre, si sono registrati in via 40 e sul monte di Sadr per la conquista di postazioni considerate strategiche.

Per tutta risposta i ribelli sciiti hanno lanciato un bombardamento a colpi di mortaio su diversi quartieri della città di Taiz uccidendo un bambino e ferendo 13 persone. Intanto Ankara ha congelato i beni del deposto presidente Ali Abdullah Saleh e dei ribelli sciiti Houthi in Yemen. Le sanzioni implicano il congelamento dei conti bancari e delle cassette di sicurezza che essi potrebbero avere in Turchia e saranno tenute in vigore fino al 26 febbraio 2016. Ciò significa che Saleh e i leader degli Houthi, Abdulmalik al-Houthi, Abdullah Yahya Al-Hakim e Abd Al-Khaliq al-Houthi, sono stati messi tutti nella lista nera. La decisione è giunta dopo le sanzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Nei giorni scorsi era stata liberata Isabelle Prime, la donna francese presa in ostaggio a febbraio nello Yemen.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...