DOMENICA 26 APRILE 2015, 003:00, IN TERRIS

YEMEN, ADEN E' ANCORA UN CAMPO DI BATTAGLIA

Almeno 28 persone sono morte in nuovi combattimenti avvenuti intorno alla città che si affaccia sull'Oceano Indiano

DON MARCO MONDELCI
YEMEN, ADEN E' ANCORA UN CAMPO DI BATTAGLIA
YEMEN, ADEN E' ANCORA UN CAMPO DI BATTAGLIA
Non hanno tregua i bombardamenti nello Yemen. Soltanto in un mese sono morte oltre mille persone, la metà sono civili, secondo l’Onu. Almeno 28 nei combattimenti avvenuti nelle ultime ore intorno alla citta' di Aden, nel Sud, tra forze lealiste e ribelli sciiti Huthi appoggiati dalle truppe ancora fedeli all'ex presidente Ali Abdullah Saleh. Ne dà notizia la televisione panaraba Al Jazira. Intanto si moltiplicano gli appelli a negoziare. L’ultimo è quello dell’ex presidente Saleh che ha chiesto ai ribelli Houthi, suoi sostenitori, di ritirarsi dalle zone conquistate, tra cui la capitale Sanaa, e di sedersi al tavolo delle trattative con le autorità yemenite.

Anche gli Stati Uniti hanno esortato le milizie sciite a dialogare, il segretario di Stato Usa John Kerry ha lanciato un appello ai ribelli sciiti in Yemen e a coloro che "hanno influenza su di loro" per unirsi al tavolo dei negoziati. "Occorre lavorare in entrambi i sensi", ha detto Kerry al margine del Consiglio artico in corso in Canada, precisando che l'Arabia Saudita aveva annunciato di passare alla fase umanitaria della loro campagna. "Abbiamo bisogno che gli Houthi e coloro i quali hanno influenza su di loro siano pronti a unirsi ai negoziati", ha aggiunto il segretario di Stato Usa. Gli Stati Uniti avevano già nominato un mediatore e le due parti sembravano pronte a discutere per trovare un luogo per i negoziati, ha detto Kerry. "Ora - ha sottolineato - l'obiettivo è cominciare al più presto le discussioni perché è assolutamente essenziale una soluzione politica". Nei giorni scorsi la portaerei Theodore Roosevelt e una nave lancia missili americane si sono ritirate dalle acque al largo dello Yemen dopo che un convoglio marittimo iraniano, sospettato di trasportare armi destinate alla fazione degli Houthi, ha fatto marcia indietro.

Si fanno i conti anche dei danni provocati dai raid aerei della coalizione guidata dall’Arabia Saudita. Decine di villaggi sono rimasti danneggiati, come quello di Attan, che ha oltre 400 anni di vita e ospita un’antica fortezza. "Qui c’erano 54 case dove vivevano 75 famiglie, ma non c‘è più nessuno da quando si sono verificati i bombardamenti", dice il capo villaggio. "Questo è un sito storico, risale all’Impero Ottomano. Ma ora dobbiamo andar via, siamo tutti vittime dei raid aerei".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
yemen
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"