SABATO 12 GENNAIO 2019, 002:56, IN TERRIS


USA

World Bank, Ivanka Trump possibile candidata

La figlia del presidente, secondo il Financial Times sarebbe uno dei nomi valutati. In lizza ci sarebbe anche Nikki Haley

REDAZIONE
Ivanka Trump
Ivanka Trump
C'

è anche il nome di Ivanka Trump nell'elenco dei papabili a rilevare la posizione di Jim Yong Kim alla guida della Banca mondiale. O meglio, il nome c'è fra quelli circolati nelle ultime ore come potenziali sostituti dell'attuale direttrice e a sostenerlo è il Financial Times. Un nome certamente di peso in quanto si parla della figlia del presidente degli Stati Uniti, nonché assistente dello stesso alla Casa Bianca ma, al momento, a Washington ci vanno cauti: "Non faremo commenti sui potenziali candidati - ha detto un portavoce del Tesoro -. Abbiamo  ricevuto un numero significativo di raccomandazioni per i buoni candidati. Stiamo avviando il processo di  valutazione di questi candidati per la nomina di un candidato nazionale statunitense, e non vediamo l'ora di lavorare con i governatori (della Banca Mondiale) per selezionare un nuovo leader".


Il successore di Kim

La World Bank, con sede a Washington, quasi per tradizione ha un americano alla guida. Una leadership che, dall'8 gennaio, si sa già che non sarà più ad appannaggio di Jim Yong Kim, che ha rassegnato le dimissioni con decorrenza al 31 del mese, con tre anni di anticipo rispetto alla naturale scadneza (2022). Una decisione inaspettata che, peraltro con tempi brevi, ha costretto l'istituto bancario a correre ai ripari avviando la corsa alla successione che, al momento, vede fra i nomi in lizza non solo quello (solo probabile) di Ivanka Trump ma anche dell'ex rappresentante all'Onu Nikki Haley. Dal canto suo, Kim ha reso noto che "è stato un grande onore lavorare come presidente per questa istituzione straordinaria, piena di persone appassionate e dedicate alla missione di mettere fine alla povertà estrema nel corso delle nostre vite. Il lavoro della Banca mondiale non è mai stato così importante mentre le aspirazioni dei poveri aumentano in tutto il mondo e i problemi legati al cambiamento climatico, alle pandemie, alle carestie e ai rifugiati continuano a crescere sia in dimensioni sia in complessità". Il medico e fondatore di Partners in Health ricopriva l'incarico dal 2012.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Film La mia seconda volta
CINEMA

“La mia seconda volta”: un film... stupefacente

Una pellicola per sensibilizzare i giovani contro l’uso delle droghe: parla Federica Picchi, della casa di distribuzione
Imane Fadil
GIALLO IMANE FADIL

La Procura: "Cadmio e animonio nel sangue"

Il pm Francesco Greco: "Valori di cromo e molibdeno molto superiori alla norma". Ascolato il direttore...
MOZAMBICO

Ciclone Idai: le vittime potrebbero essere più di mille

Alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe
Lorenzo Orsetti
SIRIA

Annuncio di Daesh: "Ucciso un crociato italiano"

Si tratterebbe del fiorentino Lorenzo Orsetti, volontario fra le forze curde. Pubblicata una foto e un documento
Mohammed bin Salman
ARABIA SAUDITA

Bin Salman creò un team contro i dissidenti?

Il Nyt: "Squadra formata un anno prima dell'omicidio di Jamal Khashoggi"
INDONESIA

Le alluvioni devastano Papua: almeno 80 morti

Combinazione di acquazzoni, frane e anche scosse sismiche