VENERDÌ 12 GIUGNO 2015, 15:58, IN TERRIS

WHIRLPOOL: IN MIGLIAIA IN MARCIA A VARESE PER DIFENDERE IL LAVORO

Il piano aziendale prevede la chiusura di due siti produttivi, con un esubero di oltre 2.000 persone

AUTORE OSPITE
WHIRLPOOL: IN MIGLIAIA IN MARCIA A VARESE PER DIFENDERE IL LAVORO
WHIRLPOOL: IN MIGLIAIA IN MARCIA A VARESE PER DIFENDERE IL LAVORO
Oggi lo sciopero indetto da Cgil, Cisl, Uil e Ugl, per protestare contro le decisioni dell Whirlpool di razionalizzare la propria presenza in Italia, con la chiusura di due siti produttivi. Nella protesta, questa volta, sono coinvolti tutti gli oltre 6mila dipendenti di tutti gli stabilimenti italiani del gruppo. Il piano industriale della multinazionale Usa, prevede oltre 2.000 esuberi e la chiusura degli impianti di Carinaro e Nole. “Siamo in duemila, tutti uniti contro un piano industriale inaccettabile”, afferma una delegata sindacale della Whirlpool della Lombardia, accogliendo il corteo dei lavoratori che ha raggiunto lo stabilimento di Comerio (Varese), sotto ai busti silenti dei tre fondatori della Ignis: Guido, Giovanni e Giuseppe Borghi.

A Varese sono arrivati diversi pullman, otto da Caserta, uno da Napoli, due da Fabriano e uno da None (Torino). Chiuso lo stabilimento varesino, i cui dipendenti hanno partecipato in massa al corteo. Sono attesi ora gli interventi dei segretari generali di Fim, Fiom e Uilm Marco Bentivogli, Maurizio Landini e Rocco Palombella. A fianco dei lavoratori di tutta Italia hanno partecipato anche tre sindaci, con tanto di fascia tricolore. Si tratta dei primi cittadini di Ternate e Biandronno (Varese), Enzo Grieco e Sandra Scorletti, insieme a Silvio Aimetti, di Comerio.

Un piano industriale, che “prevede investimenti, ma anche un bollettino di guerra”. È il giudizio di Marco Bentivogli, segretario generale della Fim Cisl. “Gli esuberi sono 2.060 – aggiunge – e non è così che si salva un’azienda”. “I lavoratori sono uniti – spiega – perché sanno bene che quando un’azienda così non rispetta gli accordi sindacali, chi oggi è al riparo, domani sa di non esserlo più”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"