GIOVEDÌ 08 NOVEMBRE 2018, 15:22, IN TERRIS


PARTITO POPOLARE EUROPEO

Weber candidato presidente della Commissione

Sconfitto il finlandese Stubb. "Non è il successo di un singolo ma di tutti"

ALBERTO TUNO
Manfred Weber
Manfred Weber
M

anfred Weber è stato eletto come candidato del Partito popolare europeo (Ppe) alla presidenza della Commissione europea. Il 46enne bavarese ha sconfitto il suo avversario finlandese, Alexander Stubb, aggiudicandosi 492 dei 619 voti espressi dai delegati al Congresso del Ppe.


Campagna elettorale

"Voglio sottolineare che questo è un successo per tutti noi, non il successo di un singolo, ma il successo del Ppe" ha commentato Weber. "Cominciamo la campagna elettorale oggi, abbiamo tanto da raccontare, abbiamo creato un'Europa forte e stabile sotto Juncker e Tajani e possiamo colmare il divario con i cittadini per avere un'Europa ambiziosa. Usiamo questo momento di slancio per andare nei nostri Paesi e lottiamo, argomentiamo e vinciamo. Avremo la maggioranza all'europarlamento". Prima dell'elzione Weber aveva avvertito leader dei partiti sovranisti: "Salvini, Le Pen e i polacchi, queste persone parlano molto di nazionalità, queste persone dicono che bisogna esser orgogliosi delle proprie nazioni che le loro nazioni sono migliori delle altre e che bisogna odiare l'Europa. La nostra risposta è questa: non voglio che gli egoismi creino delle separazioni e delle divisioni, siamo orgogliosi di avere ottenuto questa coesione tra l'identità europea". 


Reazioni

A Weber è arrivata anche la "benedizione" di Angela Merkel. "Con con un discorso meraviglioso ha aperto un importante ponte tra il proprio Paese e la sfida europea", ha detto la cancelliera tedesca a Helsinki. Secondo Silvio Berlusconi "il Ppe deve essere il motore di cambiamento dell'Europa per realizzare finalmente quella politica estera e quella politica di difesa comune che facciano dell'Unione Europea non soltanto uno spazio di democrazia, di benessere e di libertà per i suoi popoli ma anche, come nei progetti e nei sogni dai suoi padri fondatori, una potenza militare mondiale seduta al tavolo delle altre potenze mondiali per decidere i destini del mondo e un faro di cultura, di civiltà, di democrazia e di libertà per tutti i Paesi del globo".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Malpensa
MILANO

Scappa dall'aereo prima del rimpatrio, caos a Malpensa

Un egiziano di 30 anni ha fatto perdere le sue tracce: era arrivato in Italia senza documenti e stava per essere rispedito...
L'ambasciata Onu a Gaza
GAZA

Tre carabinieri rifugiati nel consolato Onu

I militari sono sospettati di appartenere alle forze speciali israeliane. Stallo sciolto nella notte
Bandiere brtianniche ed europee fuori dai Comuni
BREXIT

I Comuni bocciano il piano May

Accordo con l'Ue stroncato: 432 no, 202 sì. La premier resiste: "Non mi dimetto". Ma Corbyn chiede la...
Auto in fiamme nei pressi del Dusit di Nairobi
KENYA

Nairobi, ancora incerto il numero delle vittime

Si temo almeno 14 morti in un attacco al Dusit, operazioni dell'antiterrorismo ancora in corso. Al-Shabab rivendica
Aleksandar Vucic
EX JUGOSLAVIA

Dialogo col Kosovo: Vucic detta le condizioni

Il premier serbo: "Via i dazi sul nostro import". Pressing americano su Pristina
Petr Cech
PREMIER LEAGUE

Cech ai saluti, 15 anni da leggenda

Il portiere ceco annuncia il ritiro a fine stagione. Una carriera sempre al top, nonostante il gravissimo infortunio