LUNEDÌ 09 DICEMBRE 2019, 13:06, IN TERRIS

LA GEOPOLITICA DELLA TECNOLOGIA

Washington-Pechino, guerra commerciale sui pc

La Cina ha ordinato la rimozione delle apparecchiature e dei software stranieri entro il 2022

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
N

uovo capitolo nella guerra commerciale tra Washington e Pechino. In risposta agli attacchi alla tecnologia cinese negli Usa dell'amministrazione Trump, compreso il caso Huawei, la Cina ha ordinato la rimozione "dei computer e dei software esteri entro il 2022".  L’editto del governo cinese per spingere gli enti pubblici ad adottare kit nazionali, darà un colpo ad Hp, Dell e Microsoft, solo per citare le maggiori aziende americane coinvolte. Il governo cinese ha ordinato agli uffici statali e alle istituzioni pubbliche di rimuovere apparecchiature e software stranieri entro tre anni, riferisce il quotidiano "Financial Times".


Tecnologia sicura e controllabile

Secondo il giornale britannico, la mossa fa parte di uno sforzo più ampio per ridurre la dipendenza della Cina dalle tecnologie straniere e rafforzare la sua industria domestica. L'obiettivo è quello di sostituire il 30% della tecnologia il prossimo anno, il 50 per cento nel 2021 e il 20 per cento nel 2022, spiega il quotidiano che cita le stime degli analisti di China Securities. La stampa estera sottolinea che cinque anni fa Pechino aveva annunciato l'intenzione di eliminare la maggior parte della tecnologia straniera dalle proprie banche, dagli uffici militari, dalle agenzie governative e dalle imprese statali entro il 2020. Il "Financial Times" ha riferito che l'ultimo ordine è arrivato dall'ufficio centrale del Partito comunista cinese all'inizio di quest'anno. Il quotidiano ha affermato che l'obiettivo è quello di utilizzare la tecnologia "sicura e controllabile" come parte della legge sulla sicurezza informatica del paese approvata nel 2017.


Gigante delle telecomunicazioni

“La mossa di Pechino farebbe parte di una campagna più vasta per aumentare l'utilizzo delle tecnologie sviluppate internamente alla Cina- osserva La Stampa-. A subire i contraccolpi della decisione ci sono in prima linea i grandi produttori statunitensi come Hp, Dell e Microsoft, dopo che l'amministrazione Usa guidata da Donald Trump ha preso di mira il gigante delle telecomunicazioni di Shenzhen, Huawei, con un bando di vendita di componenti e con una campagna per convincere gli alleati europei a non affidarsi al gruppo fondato da Ren Zhengfei per lo sviluppo delle reti 5G”. La direttiva potrebbe essere un colpo al portafogli dei giganti Usa dell'informatica che, secondo stime degli analisti di Jefferies, producono ricavi per circa 150 miliardi di dollari all'anno in Cina, anche se gran parte di questi derivano dal settore privato. “Il piano appare ambizioso e sembra andare verso il de-coupling con gli Stati Uniti sul piano della tecnologia. In totale, saranno tra i 20 e i 30 milioni di pezzi di hardware che saranno sostituiti nei prossimi tre anni da materiale interamente made in China- sottolinea il quotidiano diretto da Maurizio Molinari-. Gli uffici governativi cinesi usano già oggi, in gran parte, computer prodotti localmente, soprattutto da Lenovo, proprietaria della divisione personal computer di Ibm, ma quei computer hanno ancora processori Intel e hard drive Samsung”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
QUESTIONI REALI

Harry e Meghan: solo gossip o c'è di più?

A Interris.it l'analisi dello storico delle istituzioni sul caso "Meghexit"
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern
Il blitz nel quartiere romano di San Basilio
SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Maxi blitz anti droga a San Basilio: 21 arresti

Legami anche con la 'ndrina calabrese Marando di Platì
Clochard (immagine di repertorio)
NOVARA

Uomo trovato morto su una panchina: ipotesi suicidio

Inizialmente si pensava si trattasse di un clochard morto per ipotermia, notizia poi smentita
VIOLENZA

Orrore in Pakistan, bimba violentata e uccisa

Dopo gli abusi, i due malviventi l'hanno affogata
VATICANO

Come stanno davvero le cose fra i due Papi

La fruttuosa coabitazione tra il Pontefice regnante Jorge Mario Bergoglio e quello emerito Joseph Ratzinger: Perché...
Ricchezza e Povertà a confronto
OXFAM

Duemila "paperoni" più ricchi di 4,6 miliardi di persone

Il rapporto 'Time to care' alla vigilia del meeting annuale del World Economic Forum di Davos
La palazzina crollata
CATANIA

Crolla palazzina: evacuate 7 persone

Non ci sarebbero né vittime né feriti, si cercano dispersi in via precauzionale
Cyberbullismo
PIEMONTE

Cyberbullismo: al via una ricerca pilota in 48 scuole

Si tratta della prima ricerca sul campo per studiare il fenomeno delle molestie tra minori in rete
Tasse

Pagare tasse sulle tasse

Le tasse italiane, tra i vari paesi del mondo, hanno delle peculiarità proprie che nessuno può vantare:...