MARTEDÌ 29 GENNAIO 2019, 002:51, IN TERRIS


USA

Washington, accuse pesanti a Huawei

Nel mirino il colosso della telefonia mobile. Il Dipartimento di giustizia americano parla di frode e furto di segreti commerciali

REDAZIONE
Logo Huawei
Logo Huawei
I

nizia a farsi davvero aspra la contesa fra Stati Uniti e Huawei, già al centro di una crisi seguita al fermo della top-manager Meng Wanzhou e all'indagine sulle presunte attività di spionaggio messe in atto da Pechino nei confronti di Washington proprio attraverso il colosso delle telecomunicazioni. Il Dipartimento di giustizia ha infatti rivolto alla società di Ren Zhengfei di presunto furto di segreti commerciali da una società rivale americana, T-Mobile, e di aver commesso il reato di frode finanziaria, connesso alle supposte violazioni delle sanzioni nei confronti dell'Iran. Accuse estremamente pesanti che, quasi certamente, complicheranno gli sforzi congiunti fra Usa e Cina per trovare un'intesa sulla guerra commerciale in atto.


Le accuse

Le accuse nei confronti di Meng Wanzhou, arrestata in Canada a dicembre, riguardavano proprio la presunta violazione delle sanzioni imposte all'Iran e, tutt'oggi, è in corso l'istituzione di un procedimento di estradizione richiesto dagli Stati Uniti. Delle due accuse formulate oggi, invece, ha parlato il ministro della sicurezza nazionale, Kirstjen Nielsen, spiegando di un'indagine portata avanti per oltre un anno. Insieme, le parole del sostituto procuratore generale Matthew Whitaker: "Oggi annunciamo che stiamo portando accuse penali contro il gigante delle telecomunicazioni Huawei e i suoi associati per numerosi presunti reati. La Cina deve ritenere i suoi cittadini e le aziende cinesi responsabili del rispetto della legge". Nello specifico, si parla di un'accusa depositata nello stato di Washington, nella quale si afferma che Huawei avrebbe lavorato per anni per sottrarre informazioni sensibili attraverso la rete telefonica proprietaria di T-Mobile, nota come "Tappy". Huawei, secondo le accuse, avrebbe inoltre ostacolato la giustizia quando la compagnia di telecomunicazioni con base a Washington ha minacciato di denunciarlo, secondo i documenti del tribunale.


Wray: "Comportamento disonesto"

Anche il direttore dell'Fbi, Christopher Wray, si è espresso sulla questione dichiarando che Huawei "si è basatasu pratiche commerciali disoneste che contraddicono i principi economici che hanno permesso alle società americane e agli Stati Uniti di prosperare. La prosperità che guida la nostra sicurezza economica è intrinsecamente legata alla nostra sicurezza nazionale. E l'immensa influenza che il governo cinese esercita sulle corporazioni cinesi come Huawei rappresenta una minaccia per entrambi".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...