LUNEDÌ 22 GIUGNO 2015, 18:14, IN TERRIS

VIA ALLA PRIMA MISSIONE NAVALE EUROPEA CONTRO GLI SCAFISTI

Sarà la portaerei italiana "Cavour" la nave ammiraglia dell'operazione

AUTORE OSPITE
VIA ALLA PRIMA MISSIONE NAVALE EUROPEA CONTRO GLI SCAFISTI
VIA ALLA PRIMA MISSIONE NAVALE EUROPEA CONTRO GLI SCAFISTI
Via libera alla prima fase della missione navale nel Mediterraneo, contro gli scafisti e i trafficanti di esseri umani che, disperati, tentano di arrivare in Europa. La missione EUNnavfor Med, il cui quartier generale sarà a Roma, vuole agire contro il traffico degli immigrati e, nella prima fase, consisterà nello scambio di informazioni e in una vigilanza rafforzata e il pattugliamento in alto mare per individuare i trafficanti.

Le prime navi, sottomarini, aerei e droni saranno dispiegati nel giro di una settimana. La portaerei italiana “Cavour” sarà la nave ammiraglia dell’operazione navale, che inizialmente avrà a disposizione cinque navi militari, due sottomarini, tre aerei da ricognizione, due droni e tre elicotteri. “In questa prima fase dell’operazione – spiega un alto funzionario della Difesa europea – la portaerei servirà da piattaforma di comando e le sue dimensioni consentiranno di accogliere un gran numero di migranti dopo il loro salvataggio”. In tutto, circa un migliaio di persone è già mobilitato per l’operazione, che in questa prima fase sarà soprattutto diintelligence e salvataggio delle persone ed opererà nelle acque internazionali. "Nelle prime settimane - continua la fonte - si tratterà soprattutto di formare tutte queste persone agli obiettivi della missione, con preparazione specifica sui diritti umani".

L’operazione dovrebbe consentire, a un certo punto, di distruggere i barconi utilizzati dai trafficanti sulle coste libiche, e soprattutto le barche che vengono utilizzate per trascinare le “carrette del mare al largo”. In realtà, in assenza di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza che autorizzi l’uso della forza nelle acque territoriali libiche, in questa prima fase la missione sarà piuttosto limitata.

La missione navale sarà, dunque, operativa a partire dalla prima settimana di luglio ma bisognerà attendere il 20, quando i ministri degli Esteri torneranno a riunirsi in Consiglio, perché il comandante Enrico Credendino presenti ai Ventotto i primi elementi sull’avvio dell’operazione. In quella occasione, secondo quanto ha riferito un responsabile della Difesa europea, si potrà valutare una possibile evoluzione della missione, a quel punto"pienamente operativa" per quanto riguarda la prima fase di intelligence, e a prendere in considerazione il passaggio alla seconda fase più attiva. Ma per questo servirà il sostegno dell’Onu o almeno un accordo della Libia, che al momento è ancora lontana dall’unità.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"