MERCOLEDÌ 20 MAGGIO 2015, 001:01, IN TERRIS

VENEZUELA, GLI USA ACCUSANO DIOSDADO CABELLO: "E' COLLUSO CON I NARCOS"

Secondo la Dea e il ministero della Giustizia di Washington il presidente del Parlamento è a capo di un cartello di narcotrafficanti

AUTORE OSPITE
VENEZUELA, GLI USA ACCUSANO DIOSDADO CABELLO:
VENEZUELA, GLI USA ACCUSANO DIOSDADO CABELLO: "E' COLLUSO CON I NARCOS"
Il numero due del partito al governo del Venezuela, l’uomo forte del Paese bolivariano, nonché presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, è indagato per narcotraffico dalla Dea, l’agenzia Usa antidroga, e dal ministero della Giustizia di Washington. Funzionari del governo Obama hanno confermato al “Wall Street Journal” che le prove raccolte contro Cabello “sono consistenti”, che dimostrerebbero che il politico è a capo di un gruppo narcos denominato “Cartel de los Soles”, nel quale ci sarebbero anche alti ufficiali delle Forze armate venezuelane e altre personalità del movimento chavista.

Non è la prima volta che se ne parla. Già qualche anno fa, funzionari del governo di Bogotà sostenevano che generali delle Forze armate di Caracas proteggevano il traffico di cocaina dalla Colombia e che questo passava per alcuni porti del Paese vicino. Con il passare del tempo, dopo averlo tollerato, i generali venezuelani avrebbero iniziato a dirigere il traffico di droga dalla Colombia verso gli Stati Uniti. Questo è ciò che è emerso dalle dichiarazioni giurate di Leasmy Salazar, ex capo della sicurezza personale di Hugo Chavez, che si è rifugiato negli Stati Uniti. Le informazioni di Salazar sono state anche confermate da altre fonti e, da alcuni mesi, l’agenzia antidroga Usa insieme a procuratori federali di New York e Miami istruiscono il caso grazie alle testimonianze di ex narcos, di informatori vicini agli alti funzionari venezuelani, e disertori delle Forze armate. Sottolinea il “Wall Street Journal” che la profonda crisi politico economica del Venezuela successiva alla morte di Chavez ha facilitato il reclutamento di informatori e che questi hanno portato prove per le indagini che ora potrebbero concludersi con una messa in stato d’accusa di Cabello negli Usa.

Alla vigilia della morte di Chavez, Diosdado era uno degli aspiranti alla successione come l’uomo forte legato alle Forze armate nel regime, ma il leader si inclinò a favore di Maduro, soprattutto perché garantiva molto di più quell’alleanza con Cuba dei fratelli Castro che considerava intoccabile dal punto di vista dell’ideologia. Fu allora che il filo cubano socialista Maduro e il militare Cabello strinsero un patto di non belligeranza, conservando però intatte le loro rispettive sfere d’influenza. Così l’indagine contro Cabello andrebbe letta anche nella chiave del nuovo scenario aperto dalla svolta nelle relazioni fra Cuba e gli Usa.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma