MARTEDÌ 26 MAGGIO 2015, 19:15, IN TERRIS

VAROUFAKIS: "LA GRECIA RIPAGHERA' IL DEBITO"

Sembra sia sfumata l'ipotesi di un Grexit e sembra si possa raggiungere un accordo entro il 6 giugno

CLAUDIA GENNARI
VAROUFAKIS:
VAROUFAKIS: "LA GRECIA RIPAGHERA' IL DEBITO"
Nuovo colpo di coda del ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis: la Grecia pagherà la rata di 312 milioni dovuta al Fmi il 5 giugno, perché per allora sarà raggiunto l’accordo con i creditori. A dirlo è proprio Varoufakis, annunciando la tassa sulle transazioni bancarie e una sanatoria sui depositi occulti all’estero, tassandoli al 15%.

Anche perché ormai è chiaro che per l’Eurozona “sarebbe un grande problema se un paese dovesse uscire” dalla moneta unica, ha detto in un intervento a Dublino il commissario Ue agli affari economici e monetari, Pierre Moscovici, aggiungendo che “nelle ultime tre settimane sono stati più passi in avanti” sulla Grecia “che negli ultimi 3 mesi. Anche il capo del fondo di salvataggio europeo Rsm, Klaus Regling, mette in guardia dalle pagine di Bild dal fallimento della Grecia e dai suoi effetti: “Il tempo stringe, per questo si lavora senza sosta a un accordo. Senza accordo, Atene non può avere altri prestiti e quindi rischia il fallimento, e questo implica grandi rischi”. Conclude poi dicendo che anche un mancato versamento al Fmi avrebbe un impatto su altri creditori.

Nonostante sia rimasto a uno stallo il negoziato fra Grecia e creditori, la prospettiva di una rottura – ipotizzata ieri dopo l’uscita del ministro che minacciava di non ripagare il Fmi - è sfumata. Un portavoce greco fa infatti marcia indietro: Atene farà ogni sforzo per onorare i debiti, esclude di dover congelare i depositi bancari e si aspetta un accordo fra fine maggio e inizio giugno. Lo stesso ministro dell'Economia, Gergios Stathakis, getta acqua sul fuoco: l'intesa con i creditori è "assai probabile" ed è solo "questione di settimane".

La soluzione dell’impasse però resta lontana e un incidente è sempre dietro l’angolo. L’attenzione si sposta ora su quello che il ministro delle Finanze Varoufakis definisce il vero “punto di disaccordo” con l’Ue, Bce e Fmi: il surplus di bilancio greco, che i creditori vogliono elevato per garantire una improbabile sostenibilità del debito, a costo di imporre un’austerity che Atene rifiuta con forza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018