VENERDÌ 23 OTTOBRE 2015, 19:00, IN TERRIS

USA, OBAMA PONE IL VETO AL BILANCIO DELLA DIFESA: "FATELO NEL MODO PIU' GIUSTO"

Il presidente si è opposto al disegno di legge anche perché include un passaggio che rende più difficile la chiusura del centro di detenzione di Guantanamo

EDITH DRISCOLL
USA, OBAMA PONE IL VETO AL BILANCIO DELLA DIFESA:
USA, OBAMA PONE IL VETO AL BILANCIO DELLA DIFESA: "FATELO NEL MODO PIU' GIUSTO"
"Lo rispedisco al Congresso e il mio messaggio è molto semplice: fatelo nel modo più giusto". E' la motivazione con cui oggi il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, si è opposto al budget di 612 miliardi di dollari per la difesa. E' la quinta volta che Obama pone il veto in sette anni di mandato alla Casa Bianca. The Hill ha sottolineato che è "altamente inusuale" per un presidente mettere il veto su un disegno di legge che riguarda le spese per la difesa, che solitamente diventa legge con un sostegno bipartisan. Secondo Obama, il disegno di legge aggirava irresponsabilmente il tetto alla spesa adottato nel 2011, mettendo 38 miliardi di dollari in un fondo per la guerra non soggetto a limiti: una mossa che non ha esitato a definire "un trucco".

Il presidente ha chiesto al Congresso di aumentare le spese per la difesa, ma non solo: "Cerchiamo di avere un budget che finanzi nel modo giusto la sicurezza nazionale e la sicurezza economica; dobbiamo essere capaci, in modo costruttivo, di riformare le spese militari per renderle sostenibili nel lungo periodo". Il presidente si è opposto al disegno di legge anche perché include un passaggio che rende più difficile la chiusura del centro di detenzione di Guantanamo, dove gli Stati Uniti tengono rinchiusi i presunti terroristi.

I repubblicani hanno naturalmente criticato la decisione di Obama, affermando che in questo modo sta mettendo a rischio, tra le altre cose, gli stipendi dei militari. "Mettendo la politica nazionale davanti alle nostre truppe, il presidente ha messo a rischio la sicurezza nazionale" ha commentato lo speaker dimissionario della Camera, John Boehner. "Questo veto indifendibile - ha aggiunto - blocca le paghe e gli strumenti vitali per le nostre truppe, mentre i terroristi iraniani si preparano a guadagnare miliardi grazie all'accordo sul nucleare del presidente".

I repubblicani vorrebbero cercare di superare il veto di Obama, ma è improbabile che riescano a ottenere i voti necessari. Il Senato ha approvato il disegno di legge con 70 voti a favore e 27 contrari; per superare il veto ne basterebbero 67, ma diversi democratici hanno già fatto sapere di essere pronti a cambiare il loro voto per non permettere ai repubblicani di superare il veto di Obama. Alla Camera, comunque, servirebbero 290 voti, ma il disegno di legge è stato approvato solo da 270 deputati.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Emmanuel Macron durante il summit (foto di ansa.it)
CLIMA

Macron: "Stiamo perdendo la battaglia"

Il presidente francese ha aperto lo "One Planet Summit" di Parigi. "Non dobbiamo sbagliare"
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo