LUNEDÌ 13 APRILE 2015, 001:05, IN TERRIS

USA, NUOVA STAGIONE DI COLLOQUI CON VENEZUELA E BRASILE

Obama si è incontrato col Presidente venezuelano Maduro e con la Presidente carioca Rousseff al margine del vertice Osa

MILENA CASTIGLI
USA, NUOVA STAGIONE DI COLLOQUI CON VENEZUELA E BRASILE
USA, NUOVA STAGIONE DI COLLOQUI CON VENEZUELA E BRASILE
  Un vertice che è già entrato nella storia, quello dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa) conclusosi ieri a Panama. Non solo è stato teatro di una nuova svolta storica nei rapporti tra Cuba e gli Stati Uniti, grazie alla simbolica stretta di mano tra Barack Obama e Raul Castro, ma ha fatto da sfondo anche agli incontri tra il Presidente statunitense e i presidenti di Venezuela e Brasile, Paesi con i quali i rapporti sono ancora poco amichevoli. Almeno fino a ieri, perché Obama sembrerebbe intenzionato a voler rivoluzionare i rapporti diplomatici con i “vicini (poveri) di casa”.

Il primo dei due incontri, quello con il Presidente venezuelano Nicolas Maduro, è stato definito dalle parti “casuale”. I due si sarebbero infatti incrociati nei corridoi e poi avrebbero parlato una decina di minuti, in un clima di “ampio rispetto e cordialità”. Secondo quanto confermato dalla Casa Bianca, Obama avrebbe assicurato il “suo appoggio in favore di un dialogo pacifico tra le fazioni in Venezuela”, precisando che gli Usa non sono interessati a minacciare il Paese, piuttosto ad appoggiarne “la democrazia, la stabilità e la prosperità”. Dal canto suo, Maduro ha definito “serio e franco” il colloquio e non ha escluso la possibilità che ne seguano altri: “Ho detto a Obama che non siamo nemici degli Stati Uniti – ha specificato – ma rivoluzionari veementi e appassionati e che vogliamo costruire la pace”.

Anche il breve “scambio di idee” tra Obama e la Presidente del Brasile Dilma Rousseff è avvenuto in modo informale a margine del vertice panamense. Ma, anche se breve, è stato molto proficuo considerando che, poco dopo il colloquio, La Rousseff ha ufficializzato la sua visita a Washington per il prossimo 30 giugno. I rapporti Usa con il Brasile erano tesi da quando, nel 2013, era scoppiato lo scandalo dello spionaggio dell’agenzia americana Nsa sulla presidente brasiliana. Le rivelazioni spinsero la Rousseff a sospendere una visita di Stato che avrebbe dovuto effettuare a Washington per la fine del 2013. Il prossimo 30 giugno, i due leader parleranno di cambiamenti climatici, difesa, scienza e tecnologia ed educazione. I contrasti passati sembrano ormai storia antica.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti
il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero

Il senso d'umanità

In seguito alla decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la sua richiesta di sospensione della...
Una frazione di gioco di Juventus-Inter
CALCIO | SERIE A

Juve-Inter a reti bianche: Spalletti è ancora primo

I bianconeri giocano meglio ma non sfondano: 0-0. Il Napoli può tornare davanti