MERCOLEDÌ 24 GIUGNO 2015, 001:01, IN TERRIS

USA: GAS LETALI TESTATI SUI NERI DURANTE LA II GUERRA MONDIALE

L'obiettivo era scoprire la reazione della pelle scura alle sostanze

AUTORE OSPITE
USA: GAS LETALI TESTATI SUI NERI DURANTE LA II GUERRA MONDIALE
USA: GAS LETALI TESTATI SUI NERI DURANTE LA II GUERRA MONDIALE
La storia non smette di offrirci orrori: l’ultima triste verità emerge dal Pentagono. Durante la II Guerra Mondiale, l’esercito americano condusse dei test con gas vescicante mostarda (il più noto utilizzato nel conflitto è l’iprite) su 60.000 soldati americani di diverse etnie, la maggior parte neri, ma anche orientali, ispanici e alcuni bianchi, per verificare come la pelle, sulla base del colore, reagisse in modo diverso alle sostanze urticanti, ma potenzialmente letali a dosi concentrate. A raccontare i particolare di questi aberranti test è un servizio della Npr – la radio pubblica americana – e se si guarda bene questi esperimenti non sono così lontani da quelli effettuati da medici nazisti nei campi di concentramento.

Il servizio fa ascoltare la testimonianza di Rollins Edwards, soldato nero che racconta come gli ufficiali al suo comando ordinarono, a lui e a decine di altri commilitoni, di entrare in piccole stanzette di legno, nelle quali venivano chiusi dentro. Dopo poco l’orrore: da alcuni tubi veniva fatto penetrare un mix di gas mostarda e lewisite, ancora più dannoso. “Mi sono sentito come se avessi preso fuoco”, racconta Edwards, “e sentivo gli altri ragazzi urlare, gridare e cercare di rompere la porta”. Continua poi la macabra narrazione, dicendo che alcuni perdevano i sensi, e alla fine uscirono tutti in pessime condizioni. Dice sempre Edwards: “ci dissero che eravamo sottoposti a questi test per vedere gli effetti di questi gas sulla pelle nera”.

Ma il Pentagono non si limito' ad usare soldati americani afroamericani. Uso anche nippo-americani e portoricani. La stessa sorte tocco' ad una minoranza di bianchi usati come 'cavie' normali per confrontare gli effetti dei gas sulla loro pelle rispetto a quelle delle minoranze. Il tutto senza che poi a nessuna delle vittime di questi test fosse concessa assistenza medica. Messo alle strette il Pentagono ha riconosciuto la veridicita' dell'inchiesta ma il portavoce, il colonnello Steven Warren si e' affrettato ad operare una netta distinzione tra quanto faceva la Difesa nella II Guerra Mondiali, 70 anni fa, e quanto accade oggi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Spiaggia sul Tevere
IL PROGETTO

Tevere, una spiaggia a Ponte Marconi

La sindaca Raggi lo annuncia in Campidoglio: "Lido entro l'estate 2018"
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Vladimir Putin
RUSSIA

Putin, un fiume in piena

Elezioni, economia e politica estera i temi affrontati in oltre 3 ore di conferenza stampa
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori