DOMENICA 02 GIUGNO 2019, 19:02, IN TERRIS

MEDIO ORIENTE

Usa e Iran, partita a scacchi

Pompeo prova l'apertura: "Pronti a sederci quando Teheran si comporterà da persona normale"

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mike Pompeo
Mike Pompeo
P

rovano ad allentare la fune gli Stati Uniti, cercando di smorzare il periodo di forte tensione con l'Iran. A prendere la parola è il segretario di Stato, Mike Pompeo, secondo il quale Washington sarebbe anche disposta a discutere con Teheran "senza precondizioni", precisando però che gli Usa, "continueranno a mantenere la loro linea nei confronti dell'Iran" e che, la trattativa vera e propria avverrà quando "vedremo l'Iran comportarsi come una nazione normale. Dichiarazioni che, a ogni modo, non spostano più di tanto gli equilibri, dopo una fase di minacce reciproche ma anche di esternazioni pacificatorie. Ora come ora, l'unico dato certo della vicenda Usa-Iran riguarda il rafforzamento dei contingenti americani, incrementati in queste settimane con mezzi militari di terra e di mare, viaggiando sul filo dell'ambiguità fra possibilità di intenti bellici e semplice strategia precauzionale nei confronti delle insofferenze iraniane alla politica applicata su nucleare e sanzioni.


Prove di dialogo?

Inevitabile che, in questo momento, la partita a scacchi con Teheran abbia in qualche modo influito sulla situazione generale di un'area di per sé instabile come il Medio Oriente coinvolgendo, sia pur indirettamente, anche altri attori, interessati a preservare l'intesa con l'una o con l'altra sponda. E' il caso dell'Arabia Saudita, coinvolta suo malgrado in quattro casi di sabotaggio ad alcune imbarcazioni al largo di Fujairah, nel Golfo Persico, episodio sul quale continua a restare il sospetto saudita (e americano) che si tratti di un'incursione di marca iraniana, accusa respinta al mittente ma che resta motivo di tensione. A ogni modo, le dichiarazioni di Pompeo fanno in un certo senso seguito a quelle di Rouhani, il quale aveva fatto sapere che anche Teheran era disponibile al confronto, qualora gli Stati Uniti avessero rivisto il loro atteggiamento "smettendo di dare ordini" e "mostrando rispetto" nei confronti dell'Iran. Condizione che, stante le dichiarazioni del segretario di Stato, Washington sembra disposta a seguire solo in parte.


Posizioni ambigue

Allo stesso tempo, sommando le parole di Rouhani e Pompeo, si evince come dietro alla questione Usa-Iran stiano agendo anche altri attori, in un tentativo di mediazione che convinca i due litiganti a non fare la voce grossa ma a sedersi a un tavolo di trattativa per risolvere la questione senza ricorrere all'ingrossamento delle fila militari. Pompeo, ad esempio, ha parlato dalla Svizzera (dove si trova per un incontro con il ministro degli Esteri Ignazio Cassis), Paese teoricamente intermediario ma, di fatto, con più smentite che conferme sul suo lavoro dietro le quinte. Del resto, anche la posizione degli stessi Usa continua a restare ambigua: da un lato Trump e Pompeo che predicano la calma, dicendo di non volere una guerra con l'Iran; dall'altra, parte dello stato maggiore della Casa Bianca, con in testa il consigliere per la Sicurezza nazionale John Bolton, che opterebbero per una linea più dura, accontanando l'eventuale riapertura di una finestra di dialogo che, con Teheran, è chiusa ormai da quarant'anni.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
CATANIA

Madre tenta di uccidere il figlio. La badante lo salva

Il giovane è un ventenne disabile. La donna gli ha fatto ingerire un flacone di sedativo
Dia
'NDRANGHETA

Decapitati i vertici di due cosche di Cosenza

Arrestato, in Francia, Domenico Stanganelli: era latitante dal 2014
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Bruxelles - Foto © Afp
IL PUNTO

Mutamenti parlamentari

Tre senatori del Movimento Cinque Stelle passano alla Lega, botta e risposta Salvini-Di Maio
Un senza tetto dorme alla stazione
ROMA EST

Firmato accordo tra Inps e Comunità di Sant’Egidio

Al via un centro di integrazione per facilitare l’erogazione dei servizi di base alle fasce deboli
Neve in città
MALTEMPO

Allerta neve nel Nord Italia

Al Centro farà la sua comparsa sull'Appennino sopra i 1400 metri
Ugo Grassi

Quando l'eletto è sganciato dall'elettore

Dichiarazioni al vetriolo quelle rilasciate da Luigi Di Maio per l’approdo del Senatore Ugo Grassi alla Lega,...
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
MANOVRA

Atlete professioniste, Christillin: "Punto di partenza, le cose stanno cambiando"

A Interris.it, la prima Consigliera europea della Fifa: "Ora sta alle singole federazioni aderire"
DISASTRO IN VOLO

Cile, le novità sull'aereo scomparso

Il velivolo dell'Aeronautica cilena era in volo verso l'Antartico quando è scomparso dai radar
I giocatori della Dea festeggiano Gosens dopo il gol del 3-0
CHAMPIONS LEAGUE

Atalanta agli ottavi, un'impresa da Dea

Dai tre k.o. nelle gare d'andata alla qualificazione fra le prime otto d'Europa. Una scalata verso la storia
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari