VENERDÌ 24 LUGLIO 2015, 15:30, IN TERRIS

UNGHERIA: PROFUGHI SIRIANI E AFGHANI STIPATI NEI VAGONI DI UN TRENO

I media locali sono insorti contro il governo spiegando che questi fatti ricordano le deportazioni del 1944

EDITH DRISCOLL
UNGHERIA: PROFUGHI SIRIANI E AFGHANI STIPATI NEI VAGONI DI UN TRENO
UNGHERIA: PROFUGHI SIRIANI E AFGHANI STIPATI NEI VAGONI DI UN TRENO
Al treno intercity partito da Pecs, nel sud dell'Ungheria e diretto a Budapest è stata aggiunta una carrozza, sulle cui pareti è stato affisso il cartello: "Questo vagone viaggia a porte chiuse". Il locale infatti era pieno di migranti, donne e bambini, per lo più siriani e afghani. Il provvedimento è stato preso per evitare che gli immigrati, appena registrati come clandestini e diretti verso i campi profughi, potessero scendere e far perdere le loro tracce.

Si tratta di un vero choc per il Paese di Viktor Orban che proprio nelle scorse settimane ha dato il via alla costruzione di un muro anti-profughi lungo il confine con la Serbia. In poco tempo alcuni media locali sono insorti contro il governo sottolineando che i vagoni blindati ricordano quelli del 1944, quando mezzo milione di ebrei ungheresi venivano deportati.

Diversamente la pensa Fidesz alla guida dell'esecutivo. L'Ungheria è infatti l'unico Paese Ue che non ha accolto i migranti così come previsto nell'accordo raggiunto a Bruixelles. Ma di questo ne va fiero il premier Janos Lazar: "Questa gente doveva essere fermata e registrata già in Grecia, perché sono entrati in Europa da lì. A quel che mi risulta - ha detto alla stampa - nei Balcani non c'è attualmente alcuna guerra. Hanno pagato dei trafficanti, in Serbia, e vengono trasportati a bordo di autobus fino al confine ungherese. Costruiamo una barriera proprio per farla finita con tutto questo". Nuovi campi con grandi tendoni saranno costruiti, a breve, proprio vicino al confine. E il passaggio illegale in Ungheria sarà qualificato come reato invece che come semplice contravvenzione, come accadeva fino ad oggi.

Sul caso però si esprimono gli esperti di diritto, secondo i quali il Paese non potrà bypassare infatti convenzioni e regole internazionali. "È una battaglia persa già in partenza", avverte il giornale Nepszabadsag, uno dei primi a dare la notizia dei vagoni chiusi. Ma non tutti la pensano così in Ungheria, e proprio vicino Pecs e Szeged, vicine al confine meridionale, ci sono numerosi volontari di Migration Aid che distribuiscono acqua e panini, aiutano a medicare chi è ferito e supportano le donne con bambini piccoli.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
Papa Francesco in piazza San Pietro
PAPA FRANCESCO

"Educhiamo i giovani all'arte del dialogo"

Ricevuti gli ambasciatori di Yemen, Nuova Zelanda, Swaziland, Azerbaijan, Ciad, Liechtenstein e India presso la Santa Sede