GIOVEDÌ 21 MAGGIO 2015, 10:23, IN TERRIS

UCRAINA, GRECIA E IMMIGRAZIONE AL CENTRO DEL PARTENARIATO ORIENTALE

I capi di Stato e di governo europei si sono riuniti a Riga per discutere dei temi politici ed economici più rilevanti

AUTORE OSPITE
UCRAINA, GRECIA E IMMIGRAZIONE AL CENTRO DEL PARTENARIATO ORIENTALE
UCRAINA, GRECIA E IMMIGRAZIONE AL CENTRO DEL PARTENARIATO ORIENTALE
Inizia oggi a Riga, in Lettonia, la due giorni sul partenariato orientale. I leader dell'Unione Europea incontreranno quelli di Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Repubblica di Moldova e Ucraina per discutere dei temi che riguardano questa vasta area geografica e politica. la questione principale è, ovviamente, quella ucraina a più di un anno dall'inizio del conflitto tra Kiev e i ribelli filorussi. Le tensioni con Mosca non si sono mai sopite e proprio ieri la magistratura ucraina ha incriminato per terrorismo due soldati russi catturati nell'est del Paese. L'Ucraina tornerà così a chiedere l'impegno dell'Ue per contenere la Russia e troverà senz'altro nella Lettonia, presidente di turno dell'Unione, orecchie attente. Nell'ex repubblica sovietica sono da sempre forti i timori per l'influenza di Mosca. La questione russa è il grande tema europeo; entrando al vertice a chi le chiedeva delucidazioni su un possibile rientro di Mosca nell'ex G8 Angela Merkel ha risposto che si tratta di un'ipotesi "inimmaginabile" fino a quando il Cremlino non deciderà di rispettare i "principi del diritto internazionale".

Sul tavolo c'è poi la vicenda greca. Ieri Atene ha annunciato di non avere intenzione di rimborsare la tranche di 300 milioni di euro in scadenza il 5 giugno, e di voler usare le risorse disponibili per pagare stipendi e pensioni. C'è quindi una grande attesa per il vertice di oggi, a margine del quale Atene vorrebbe trovare un accordo sulla ristrutturazione del debito. Ma per l'Italia questo summit sarà soprattutto l'occasione per rimettere al centro la questione degli sbarchi. Il grande tema è quello delle quote. Se il Regno Unito si era da subito chiamato fuori (seguito da Irlanda e Danimarca), Francia e Spagna hanno fatto un passo indietro negli ultimi giorni, chiedendo una revisione del meccanismo.

E così due giorni fa a Porta a porta il premier Matteo Renzi ha annunciato l'intenzione di ricorrere a un gesto eclatante: tirare su il barcone affondato nel Canale di Sicilia il 18 aprile provocando almeno 800 morti, per mostrarne le vittime. "Andremo a riprendere quel barcone - ha detto - e lo tireremo su, ci vorranno quattro mesi. Costerà circa 15-20 milioni di euro ma riporteremo a galla quel barcone. E' giusto che tutto il mondo veda, il mondo che sta dicendo occhio non vede cuore non duole". "Quelli sono i nostri fratelli e le nostre sorelle", ha spiegato. Aggiungendo però subito dopo che andrebbero bloccati alla frontiera sud della Libia: "Bisogna - ha detto - che la comunità internazionale metta i campi in quell'area, penso al Niger".

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Mattarella e il Papa
BUON COMPLEANNO FRANCESCO

Mattarella: "Auguri da tutti gli italiani"

Il Capo dello Stato: "Ha posto l'attenzione su persona e famiglia". Lo Judice: "Esempio per i giovani"
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Il Pentagono
USA

Il Pentagono: abbiamo indagato sugli Ufo

Il programma è stato avviato nel 2007 e interrotto 5 anni fa per il blocco dei fondi